Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su

(18/12/2018) On Air

Rosella Sensi ospite di Te la do io Tokyo. Totti lo vedrei d.t. De Rossi allenatore

Rosella Sensi, ventunesimo presidente della AS Roma, è stata ospite di Te la do io Tokyo, la trasmissione ideata e condotta da Mario Corsi, in onda tutti i giorni sui 101.500 di Centro Suono Sport.

Una lunga chiacchierata in cui sono stati raccontati tanti aneddoti della storia giallorossa, che potrete riascoltare nel podcast completo della puntata del 18 dicembre. (Qui trovate il podcast di Te la do io Tokyo - Trasmissione del 18 dicembre 2018)

Ecco alcune delle dichiarazioni di Rosella Sensi:

Su Prandelli.
È una persona molto educata, garbata e tranquilla. Ho un ricordo strano di quella stagione, mi dispiacque molto che se andò via. Non credo però che nulla succeda per caso, forse doveva andare così.

Un ritorno al passato, con gli inizi al fianco del papà Franco Sensi.
I primi giocatori conosciuti sono stati Balbo e Lanna, c’era un clima di familiarità. Mazzone aveva una personalità fantastica, i giocatori erano quasi terrorizzati da lui.

Sulla scorta nel 2006.
È una cosa davvero brutta che non auguro a nessuno, ringrazio quei ragazzi di quel periodo per avermi protetto.

In diretta la telefonata di Fabio Capello, che ha voluto salutare la sua ex presidente: ‘Fabio non voleva essere simpatico, voleva solo vincere. È meglio di Mourinho’. (Clicca qui per ascoltare gli auguri di buon compleanno a Rosella Sensi da Fabio Capello)

Sulle trattative di mercato.
Samuel è stata la cessione più dolorosa, è un ragazzo d’oro. Non volevo firmare col Real, non ce la facevo. Sapevo che da quel momento sarebbe cambiato qualcosa: c’era qualcosa in più in lui. Emerson? L’avevamo dato al Real, lui ha preferito andare alla Juventus e Baldini si è occupato della trattativa.

Capitolo Spalletti.
È uno che soffre molto interiormente. Non ho condiviso tante volte le sue scelte tecniche, in primis quella di Francesco (Totti, ndr). Però è un grandissimo professionista.

Baldini?
Credo che lui volesse avere un ruolo più importante di quello che aveva prima. Con Franco Sensi è diventato un uomo importante, anche se non gliel’ho mai sentito riconoscere.

La vicenda Kerimov?
Non c’era ostacolo da parte nostra, però a un certo punto son spariti.

Soros?
Oddio no, basta! Non ce la faccio più! Chi vuole creda quello che vuole

Sawiris
Se non parlo degli altri non devo parlare neanche di lui, ma ho un bellissimo ricordo, voleva comprare… non dico altro.

Come l’avete presa quando Spalletti andò a parlare con il Chelsea?
Io non gli dissi niente, ci hanno pensato due grandi dirigenti come Bruno Conti o Daniele Pradè. È stato meglio. Perdono ma non dimentico. Anche se si dice di no, nella stagione 2008-2009 Samuel Eto’o è stato vicino alla Roma.

Vinicio Fioranelli?
Vi racconto questo episodio, anche se io non parlo di queste cose. Eravamo consci di dover vendere, doveva solo arrivare una persona che fosse seria. Vi racconto questo episodio. Stavamo al mare io, Marco e mia figlia piccola. A un certo punto Totti chiamò Marco, e gli chiese cosa stesse succedendo. Marco gli disse che eravamo al mare e Francesco disse: ‘Ah ok, allora è una cavolata…’. Io non ho mai incontrato di persona Fioranelli.

Sugli scudetti sfumati.
Ho sentito più vicino lo scudetto del 2008 rispetto a quello del 2010, anche se il secondo sarebbe stato molto più meritato. Avrebbe cambiato la storia della Roma. Mister Ranieri è stato un grande, in quell’anno, il più complicato della mia gestione, è stato determinante. Chi l’ha scelto? Io e Pradè.

Su Spalletti e Ranieri.
L’addio di Spalletti è stato complicato, io non gliel’ho quasi perdonato. Ero molto dispiaciuta, gli dissi che il comandante non lascia la sua nave. In quel momento c’erano Mazzarri, Mancini e Ranieri. Ho grande stima di Mancini, ma aveva due problemi. Non me li fate dire. Quindi ho scelto Ranieri. Per quel momento storico, io avevo bisogno di un grandissimo allenatore con un pathos diverso. Ranieri dava qualcosa di più oltre alla grande professionalità, che ha anche Mancini.

Se lei fosse ancora presidente, che ruolo darebbe a Totti oggi nella Roma?
A Francesco avrei dato un ruolo da dirigente, ma non quello che ha oggi. Deve avere un suo ruolo ben preciso. Gli avrei dato un paio di ruoli: uno nelle giovanili al fianco di Bruno Conti, oppure quello di direttore tecnico. Avrebbe risolto tantissimo problemi a Di Francesco, facendo da filtro con la squadra.

E a De Rossi?
Lo vedrei come allenatore, ha caratteristiche per cui potrebbe farlo. Sa comunicare molto bene, anche se a modo suo. Si prende sempre le sue responsabilità quando parla.

Quale squadra ha fatto l’offerta per De Rossi?
Il Real

La vostra idea di stadio della Roma?
Non abbiamo inventato niente, già Dino Viola lo voleva. Lo stadio va fatto, la Roma deve avere uno stadio.

Pippo Marra è stata un’arma utilizzata contro di lei. Fu utilizzato strumentalmente contro di lei.
Non mi interessa, se volete vi faccio l’elenco dei motivi per cui sono stata attaccata, ma a me non interessa. Cosa mi ha fatto più ridere di tutti questi? Vi sembrerà assurdo, ma Soros. Non ce la facevo più.

Sul momento di Di Francesco.
Ho grande stima per Eusebio, non credo che la responsabilità di questo momento sia sua. Me lo terrei comunque per tutta la stagione, me lo terrei vicino e stretto stretto. Bisogna capire il momento e bisogna capire i giocatori. È più facile sostituire un tecnico che tutta una squadra, quindi è più “facile” mandare via l’allenatore.

Cuccioli Bovari del Bernese

Notizie correlate On Air

22/06/2019 (On Air)

Antonio Felici a Te la do io Tokyo: Mi preoccupano i nomi che vengono fatti per la linea difensiva

Durante il suo intervento quotidiano a Te la do io Tokyo...

20/06/2019 (On Air)

Francesco Balzani a Te la do io Tokyo: Schick per Cutrone? Io lo farei

Durante il suo intervento quotidiano a Te la do io Tokyo...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet a Roma - SEO SEM
Climanet
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
26.05.2019 20:30
A.S. Roma - Parma 2 - 1
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
25.06.1968 20:30
Coppa delle Alpi
Kaiserlautern A.S. Roma 3 - 0
25.06.1989 19:00
Campionato
A.S. Roma Atalanta 2 - 1
CLASSIFICA
Juventus 90
Napoli 79
Atalanta 69
Inter 69
Milan 68
A.S. Roma 66
Torino 63
Lazio 59
Sampdoria 53
Bologna 44
Sassuolo 43
Udinese 43
Spal 42
Cagliari 41
Fiorentina 41
Parma 41
Empoli 38
Genoa 38
Frosinone 25
Chievo 17
SONDAGGI

Vi convince la lettera del presidente James Pallotta?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!