Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su

(24/10/2021) A.S. Roma

Mourinho in conferenza stampa: Difficile giocare su un campo pieno di sabbia. A Cagliari in campo andranno gli stessi

José Mourinho, allenatore dell’AS Roma, ha parlato in conferenza stampa al termine della partita contro il Napoli.

Cosa le è piaciuto di più? “La partita. Una partita di alto livello. Una partita tattica, fisica, con qualche difficoltà tecnica però in quel campo lì non è facile essere tecnico. Il campo è bello perché la sabbia è verde, c’è la sabbia verde. Dalla tribuna sembra bello ma lì poi diventa dura. E’ stata una grande partita, il pareggio è il risultato corretto anche se ci sono state opportunità per segnare e vincere da una parte e dall’altra. Tutti abbiamo finito la partita stanchi: per l’intensità, per la durezza, per l’aggressività, per la voglia di vincere delle due squadre, per la voglia di non accettare il pareggio fino alla fine. Loro sono arrivati al top come punti, fiducia e gioia mentre noi arrivavamo dalla sconfitta immeritata di Torino e con il peso della sconfitta di Bodo. Per questa ragione il controllo emozionale mi è piaciuto veramente. La partita è stata difficile, meritiamo più punti rispetto a quelli che abbiamo, però siamo lì in classifica e dobbiamo continuare a lavorare. Mercoledì ci sarà una partita dura a Cagliari e andiamo con tutto quello che abbiamo”.
 
Le partite contro Juventus e Napoli e la consapevolezza: “Mi sarebbe piaciuto avere oggi, al minuto 70, due terzini freschi, veloci e intensi per cambiare la partita. Ma non li abbiamo. Mi piacerebbe avere altre cose che non abbiamo. Però non le abbiamo perché abbiamo speso tanti soldi per pulire prima di poter convergere tutto sulla costruzione. Abbiamo una rosa dicotomica e dobbiamo gestire questo. Mercoledì a Cagliari giocheranno gli stessi di oggi”.
 
La sua espulsione e quella di Spalletti: “Di solito viene espulso un solo allenatore, perché uno è contento con l’arbitro e l’altro no. Oggi siamo stati espulsi tutti e due. L’arbitro ha fatto un lavoro positivo, è la mia sensazione. Io ho ricevuto due gialli ma se fossi stato un arbitro non ne avrei tirato fuori neanche uno. Sarei andato da Mourinho e gli avrei detto di stare tranquillo e di non protestare tanto. Invece la prima volta che è venuto da me mi ha ammonito. La seconda volta non ho neanche protestato. Ho semplicemente fatto qualche gesto con le braccia. Lui è venuto e mi ha espulso. Però sono due cose separate: da una parte c’è la performance dell’arbitro e mi sembra abbia fatto abbastanza bene, dall’altra ci sono i cartellini gialli che non meritavo ma è stata una decisione sua”.
 
Dopo Juventus e Napoli ha qualche rimpianto? “Per i punti in classifica? Sicuramente perché a Torino non meritavamo di perdere per niente. Oggi il punto è accettabile ma potevamo sia vincere che perdere perché loro hanno avuto una palla gol, anche se noi ne abbiamo avute di più. Dal punto di vista dell’organizzazione di gioco siamo stati benissimo, loro hanno pressato bene e non era facile costruire di più rispetto a quello che abbiamo fatto. Non abbiamo mai accettato il loro dominio. Quando l’intensità si è abbassata un pochino Luciano ha inserito Lozano, Mertens ed Elmas, io invece non potevo farlo perché se l’avessi fatto si sarebbe alzata sì l’intensità ma si sarebbe abbassata la qualità. Un punto in due partite non va bene ma oggi abbiamo preso un punto giocando con una mentalità vincente, la stessa che metteremo contro il Cagliari e contro il Milan”.
 
I ragazzi mandati in tribuna oggi: “Non sono io a scegliere chi gioca o chi va in panchina, sono loro. E’ semplice. Il calcio è un mondo un po’ crudele, principalmente per gli allenatori e lo deve essere un po’ anche per i calciatori. Non hanno però una croce addosso, domani è un altro giorno e ricominciamo da zero”.
 
Lei e Spalletti siete due allenatori migliori rispetto alle sfide di tanti anni fa? Tra Napoli e Milan chi merita il primato? “Secondo me non è importante il discorso sulla capolista, hanno gli stessi punti. Secondo me devi guardare la classifica dell’anno scorso per capire bene chi sono le squadre più forti. Per noi essere lì una cosa che dà motivazione perché abbiamo dei limiti e lo scorso anno è finita come è finita in classifica. Io e Spalletti? Quello dell’allenatore è un mestiere che ti porta a non migliorare più solo quando smetti. Sono molto contento di aver ritrovato allenatori che affrontavo ai tempi dell’Inter e sono contento di vedere questa generazione di ragazzi come Italiano e Dionisi. Persone diverse da noi e tutti insieme possiamo rendere la Serie A bella. Lo 0-0 di oggi è uno 0-0 di grande qualità, sono sicuro che è stato apprezzato anche all’estero”.
 

Notizie correlate A.S. Roma

03/12/2021 (A.S. Roma)

Rosella Sensi: Roma-Inter spesso confine tra Paradiso e inferno. Mi viene in mente Perrotta, professionista esemplare

Tramite Instagram Rosella Sensi ha rilasciato un pensiero su Roma-Inter...

03/12/2021 (A.S. Roma)

AS Roma – Villar negativo al tampone

Buone notizie in casa Roma. Dopo aver recuperato...

03/12/2021 (A.S. Roma)

Ancelotti: Momento di transizione per la Roma. Bisogna dare tempo a Mou

Di Roma-Inter, prossima partita di cartello in Serie A...

03/12/2021 (A.S. Roma)

Marco Di Bello dirigerà Roma-Inter

Sarà Marco Di Bello di Brindisi a dirigere Roma-Inter...

03/12/2021 (A.S. Roma)

Rassegna Stampa Giallorossa - 3 Dicembre

La rassegna stampa giallorossa di venerdì 3 Dicembre...

02/12/2021 (A.S. Roma)

El Shaarawy: Dopo una caduta c’è sempre una ripartenza

A distanza di pochi giorni José Mourinho ha perso...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Climanet
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
04.12.2021 18:00
A.S. Roma - Inter 
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
01.12.2021 18:30
Bologna - A.S. Roma 1 - 0
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
03.12.1967 15:00
Campionato
A.S. Roma Cagliari 2 - 3
03.12.1972 15:00
Campionato
Ternana A.S. Roma 1 - 4
03.12.1978 15:00
Campionato
A.S. Roma Avellino 2 - 1
03.12.1989 15:00
Campionato
Fiorentina A.S. Roma 1 - 2
03.12.1995 15:00
Campionato
Udinese A.S. Roma 1 - 1
03.12.2000 15:00
Campionato
Perugia A.S. Roma 0 - 0
03.12.2009 21:05
Europa League
A.S. Roma Basilea 2 - 1
03.12.2020 21:00
Europa League
A.S. Roma Young Boys 3 - 1
CLASSIFICA
Napoli 36
Milan 35
Inter 34
Atalanta 31
A.S. Roma 25
Bologna 24
Fiorentina 24
Juventus 24
Lazio 22
Empoli 20
Verona 20
Sassuolo 19
Torino 18
Udinese 16
Sampdoria 15
Venezia 15
Spezia 11
Genoa 10
Cagliari 9
Salernitana 8
SONDAGGI

Siete d'accordo con il progetto Superlega?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!