Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su

(17/09/2022) Altre News

Conferenza stampa Gasperini: Per noi quello di domani sarà un test formidabile, valuteremo le nostre ambizioni

La conferenza stampa di Gian Piero Gasperini, tecnico dell’Atalanta, alla vigilia della partita contro l’AS Roma.

Immaginavi che dopo sette giornate l’Atalanta potesse essere così in alto?
“Noi siamo partiti così per capire quello che possiamo fare. Essere primi dopo 6 giornate è un grandissimo traguardo, un merito di questi ragazzi. Sappiamo tutti però che siamo all’inizio, è un campionato da decifrare, un campionato molto difficile dove le big si sono rinforzate in modo notevole. Le altre si sono avvicinate molto quindi il campionato è da decifrare. Noi siamo lì ma con grande umiltà, dobbiamo capire cosa possiamo fare. Quello di domani sarà un bel test, poi ci sarà la pausa ma le idee chiare arriveranno con la pausa di novembre”.
 
C’è un qualcosa in particolare che domani ti piacerebbe vedere a Roma? “Sicuramente la personalità. Sul modo di stare in campo abbiamo avuto tante conferme, per esempio contro il Milan e il Torino. Conteranno molto la qualità tecnica e l’impatto fisico contro una squadra che sotto questo aspetto ha valori importanti. Come poter contrastare la qualità di questa squadra. E soprattutto con quale qualità riusciremo a giocare noi”.
 
Le due partite dell’anno scorso, dal punto di vista dell’atteggiamento e tattico, danno  indicazioni sulle scelte di domani o sarà una partita nuova? “Le squadre sono un po’ cambiate, soprattutto noi. Rispetto all’andata ci sono tanti giocatori in meno. La Roma, che lo scorso anno aveva fatto un grande acquisto con  Abraham, quest’anno ha Dybala che sta dando un valore straordinario ad una squadra già molto fisica. Ha aggiunto una qualità straordinaria. Ogni partita, ogni periodo è diverso. Nelle due partite dello scorso anno ci eravamo comportati bene ma c’erano stati alcuni episodi particolari. Noi però siamo diversi e alcuni si devono ancora inserire. Per noi quello di domani rappresenta un test formidabile per le nostre ambizioni e per la nostra crescita, perché incontriamo una squadra indubbiamente forte ma che ci può dare anche l’opportunità per fare un buon calcio”.
 
Pensavi di poter arrivare a questo punto con l’Atalanta? “Sinceramente non era facile avere un pensiero del genere quando sono arrivato, perché il Genoa ha rappresentato una parte lunga e importante della mia carriera, non era facile pensare di ripetere per così tanto tempo i risultati e tutte queste presenze. Però sono anche felice di questo, speriamo anche di festeggiare bene”.
 
Cosa manca per rivedere il Boga visto al Sassuolo? “Io ragiono sulle prestazioni. A me fa molto piacere quando parlate di prestazioni, le altre cose non valgono niente. Vale per lui e per gli altri. Quando ci saranno prestazioni adeguate a quelle che saranno le richieste della squadra, avrà sicuramente più spazio”.
 
Per non ha ancora raggiunto gli standard del passato? “Stiamo ancora cercando la risposta. Io mi baso sulle prestazioni in partita. Quando le prestazioni soddisfano uno acquisisce più spazio. Su Muriel ho sentito un po’ di cose… Muriel ha fatto 36 partite su 38 il primo anno, 34 su 38 il secondo anno, l’anno scorso ne ha fatte 27 su 38 perché ha avuto un lungo infortunio. Questi sono i numeri, il resto è disinformazione. Poi si deve parlare delle prestazioni”.
 
Ti sorprende Palladino allenatore del Monza? “Sono molto felice per lui. La scorsa settimana è rientrato Thiago Motta, Juric è iper affermato… Se hanno fatto la scelta di Palladino è perché ha fatto vedere, a dirigenti anche esigenti, ottime qualità. Mi auguro possa far bene, così come stanno facendo bene gli altri due. Loro rappresentano i giocatori di una squadra che mi ha dato grandissime soddisfazioni nel 2008-09, che è arrivata ad un soffio dalla Champions League”.

Gasperini e Mourinho e il modo di giocare: “Mourinho allenava in passato una squadra stratosferica come l’Inter mentre io il Genoa e l’Inter era sopra e di parecchio come valore. Devo dire che lui con il passare degli anni anche alla Roma ha modificato tante cose, ad esempio gioca con la difesa a tre. Parliamo quindi di un grande allenatore che va avanti con i tempi e che modifica a secondo anche delle situazioni e della gara. Le gare dello scorso anno ci sono rimaste un po’ qui, però sono state due ottime partite anche da parte della Roma, senza nulla togliere a loro in questo senso. Ci sono state poi delle situazioni… Non è che devo fare i complimenti a Mourinho per tutto quello che ha fatto nella sua carriera, soprattutto per la capacità che ha di rinnovarsi continuamente. E credo che la sua più grande dote sia quella di aver trasmesso un entusiasmo eccezionale a Roma, ha risvegliato una piazza fantastica per partecipazione ed entusiasmo. Lui dove arriva genera questo grandissimo entusiasmo ed è un grandissimo merito, al di là di quello che poi può essere il campo”.
 
Il VAR: “Gli arbitri devono andare in tv a spiegare le varie situazioni, anche gli errori. C’è bisogno di un qualcosa di ufficiale da parte loro e non da vari commentatori in giro, più o meno di parte, per avere una certezza di regolamento migliore. Facciamo tutti un po’ fatica a capire se la scelta è giusta, se è un errore, se c’è troppa interpretazione o se ci sono delle linee. Questo per una maggior chiarezza da parte di tutti, anche per il pubblico”.
 
Quali giocatori della sua Atalanta vede come allenatori tra dieci anni? “Potenzialmente tutti. Juric era già avanti. Thiago aveva tutte le conoscenze del calcio ma non pensavo che, per carattere, potesse fare l’allenatore, invece poi ci sono le trasformazioni. Ho avuto spesso la fortuna di avere ragazzi che conoscono il calcio e quando è così è tutto più facile, per me è una componente fondamentale”.
 
La situazione degli infortunati: “Abbiamo i soliti tre, che speriamo possano recuperare dopo la sosta, ai quali si è aggiunto Zortea che ha un problema all’anca. Boga? C’è stato questo episodio in amichevole martedì ma dopo un giorno era già tutto a posto”.
 
Pasalic falso nueve a Roma? “E’ una delle possibilità quella di non dare un riferimento centrale a Smalling”.
 
Hojlund: “Le sue caratteristiche hanno impressionato favorevolmente un po’ tutti quanti e l’Atalanta ha fatto un investimento importante. E’ un giovane di 19 anni con queste caratteristiche positive e può crescere e migliorare”.

La Roma in casa e l’Atalanta in trasferta non hanno mai subito gol. Che aspetto è questo in vista della gara di domani? “Il risultato importante ma è importante anche misurarsi per capire che tipo di contrapposizione si può avere con  questo tipo di squadra e quindi quelle sono le risposte che andiamo a cercare”.
 
La Roma è da scudetto? “Nell’immediato sembrerebbero il Napoli, il Milan e l’Inter più avanti ma la Roma come organico, che è un organico molto forte, può pensare, crescendo e migliorando, di competere. Poi dipenderà dall’evoluzione del campionato”.
 
Hojlund può giocare insieme a Muriel? “Nel calcio si può fare, basta impostare le squadre, organizzare la squadra per farli giocare in coppia”.

La sosta delle nazionali: “Questa è una sosta che arriva al momento giusto, perché sette partite sono già un buon numero. Poi si andrà con altre otto partite fino alla sosta di novembre che sarà molto interessante perché le prossime otto saranno molto significative e il campionato darà delle risposte. La sosta di 40 giorni sarà simile a quella estiva e speriamo di fare mercato in quel periodo così da evitare di farlo a gennaio, sarebbe un grande successo almeno per noi allenatori. Dare magari la possibilità di fare una nuova stagione e ripartire senza il problema del mercato”.

Mancini, Ibanez, Cristante e Spinazzola: “Stanno facendo benissimo ormai da anni. Hanno vissuto un periodo molto bello con noi. Ibanez era arrivato molto giovane, dimostrando le sue qualità ma giocando poco perché era acerbo. L’idea iniziale era quella di darlo ad una squadra per poi riprenderlo poi invece è arrivata la Roma con un’offerta che ha accontentato la società. Lui è cresciuto come ci si aspettava perché parliamo di un calciatore di valore”.
 
L’Atalanta che giocava le coppe e l’Atalanta che non le gioca. Che differenze ci sono? “Noi abbiamo tempo per preparare le partite, fare in modo più attento certi allenamenti. Le coppe globalmente ti danno più di quello che ti tolgono. Non abbiamo mai avuto tanti problemi pur giocando la Champions League, quando ci siamo trovati invece a giocare l’Europa League di giovedì abbiamo pagato di più”.
 

Notizie correlate Altre News

30/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo D: agli ottavi Francia e Australia

Sono la Francia e l’Australia le due squadre del Gruppo D...

30/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo B: Inghilterra e Usa qualificate agli ottavi

Missione compiuta per l’Inghilterra e gli Stati Uniti...

29/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo A: Olanda e Senegal agli ottavi

Si è chiuso oggi pomeriggio il Gruppo A con l’Olanda...

29/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo H: Bruno Fernandes guida il Portogallo agli ottavi

Missione compiuta: dopo la vittoria contro il Ghana...

28/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo G: il Brasile batte la Svizzera e vola agli ottavi

Senza Neymar il Brasile risponde presente in questa...

28/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo H: il Ghana vince 3-2 contro la Corea del Sud

Dopo le sei reti realizzate nel match Camerun-Serbia..

28/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo E: la Germania trova il pareggio nel finale, 1-1 con la Spagna

Una rete di Fullkrug, l’uomo della provvidenza entrato...

27/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo F: la Croazia batte il Canada, finisce 4-1

Prima vittoria per la Croazia all’interno del Mondiale...

27/11/2022 (Altre News)

Qatar 2022 – Gruppo F: il Marocco sorprende e batte il Belgio

Pochi giorni fa il pareggio contro la Croazia...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Italiana Occhiali
5x1000 all'Associazione Scodinzolo Onlus - Codice Fiscale 97737450581
Pubblicità su Te la do io Tokyo
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
04.01.2023 16:30
A.S. Roma - Bologna 
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
13.11.2022 15:00
A.S. Roma - Torino 1 - 1
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
01.12.1968 15:00
Campionato
A.S. Roma Bologna 2 - 1
01.12.1974 15:00
Campionato
A.S. Roma lazio 1 - 0
01.12.1985 15:00
Campionato
Sampdoria A.S. Roma 1 - 0
01.12.1991 15:00
Campionato
Juventus A.S. Roma 2 - 1
01.12.1993 19:00
Coppa Italia
Sampdoria A.S. Roma 2 - 1
01.12.1996 15:00
Campionato
A.S. Roma Fiorentina 3 - 3
01.12.1999 20:30
Coppa Italia
A.S. Roma Piacenza 0 - 1
01.12.2002 20:30
Campionato
A.S. Roma Juventus 2 - 2
01.12.2005 20:45
Coppa Uefa
Stella Rossa di Belgrado A.S. Roma 3 - 1
01.12.2013 15:00
Campionato
Atalanta A.S. Roma 1 - 1
01.12.2017 18:30
Campionato
A.S. Roma Spal 3 - 1
01.12.2019 20:45
Campionato
Verona A.S. Roma 1 - 3
01.12.2021 18:30
Campionato
Bologna A.S. Roma 1 - 0
CLASSIFICA
Napoli 41
Milan 33
Juventus 31
Inter 30
Lazio 30
A.S. Roma 27
Atalanta 27
Udinese 24
Torino 21
Bologna 19
Fiorentina 19
Empoli 17
Salernitana 17
Monza 16
Sassuolo 16
Lecce 15
Spezia 13
Cremonese 7
Sampdoria 6
Verona 5
SONDAGGI

Siete d'accordo con il progetto Superlega?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!