Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
Il Messaggero

(20/03/2017)

James chiama, Lucio frena

L'assist è servito: «Spalletti sarà l'allenatore della Roma in futuro? Sicuramente lo sarà fino a maggio, poi dipende da lui. Con il tecnico non ho parlato in maniera approfondita ma non ci sono problemi. Mi piacerebbe che rimanesse. Mi piace il suo gioco e dal punto di vista della tattica. Mi piacerebbe tenerlo, sta a lui decidere. Non è però una cosa che dipende da me». Firmato James Pallotta. Spalletti, messo a conoscenza delle parole del presidente, replica così: «Dipende da tutti, non solo da me. Facciamo le cose regolari. La Roma deve vincere. Se col Sassuolo però non ci riuscivamo, ecco lì che eravamo terzi. Il discorso, quindi, è sempre il solito, bisogna fare risultati e vincere le partite. Se si vince bene, se non si vince fuori. Anche i giocatori forti dovrebbero fare lo stesso discorso, non solo io». Ad ascoltarlo l'incontro avuto ieri con il presidente a Trigoria non è bastato. E difficilmente ci sarà il replay oggi visto che il tecnico ha negato a domanda diretta. Una cosa è certa: il ping-pong tra proprietà e tecnico continua alimentando molti dubbi sulla permanenza di Spalletti.
 
DUBBI E POLEMICHE
Pallotta non chiarisce nemmeno il ruolo del futuro ds. L'indiziato numero uno è Monchi, incontrato a dicembre a Londra insieme a Baldini e poi rivisto pochi giorni fa sempre nella City: «No, non vi dico nulla - sorride Pallotta - non ho intenzione di rivelare nessuna delle nostre strategie. Monchi chi? Totti e De Rossi? No, non ne voglio parlare. Forse c'è un problema legato alla traduzione, se mi fate sempre le stesse domande Se Francesco giocherà l'anno prossimo non intendo certamente rivelarlo in un'intervista». Alla domanda-trabocchetto, meglio la coppa Italia o il secondo posto, il presidente se la cava così: «Forse perché sono americano ma arrivare in Champions è fondamentale. Poi è chiaro che la coppa ci interessa. Ma finché non costruiremo lo stadio, sul quale sono molto ottimista a tal punto che penso che a giugno inizieremo i lavori, arrivare secondi è importantissimo». Proprio sull'importanza di accedere direttamente alla Champions, si accoda Spalletti: «Arrivare in posizioni importanti è fondamentale perché poi ti permette di spendere determinati soldi. Il secondo posto è una posizione importante, non è che si è fallito ma poi tracci una linea e vedi che sono zero tituli. Quando ho sentito parlare qualcuno della società ho sempre sentito che c'è tutto per vincere. E questo è un messaggio chiaro a chi guida la macchina, quindi all'allenatore». Poi torna sull'annoso problema con i media locali: «C'è gente che ha già stappato lo spumante se mi levo dai co****ni. Sono tornato, pur conoscendo l'ambiente, per difendere la Roma. Da questo momento, non risponderò più alle provocazioni. Ultimamente mi hanno definito bomba antiecologica. Cosa vuole dire? Che puzzo? L'Ordine fa le note soltanto a me? Inizialmente per me era anche un divertimento, con i topini, i prestigiatori di parole... Ora basta. Ditemi quello che volete, non rispondo più. E anzi, vi dico che se non si parla di calcio, non vengo fino alla fine dell'anno. Non mi presento più in conferenza stampa». La querelle continua.

S. Carina


Notizie correlate

20/07/2017 - (Il Messaggero)

Ecco Defrel, meno 4 alla Roma di Eusebio

Meno quattro. Un centrale difensivo, un terzino sinistro, il sostituto di Salah e un vice Alisson...

19/07/2017 - (Il Messaggero)

Primo test americano questa notte con il Psg

Non importa se sul campo d’allenamento della University of Michigan si percepiscono 30 gradi...

19/07/2017 - (Il Messaggero)

Roma, Defrel è in volo. Trovato l’accordo per l’attaccante del Sassuolo

Stavolta è fatta sul serio. La Roma e il Sassuolo hanno...

18/07/2017 - (Il Messaggero)

Gayà-Barreca, adesso è corsa a due per la fascia sinistra

Aspettando novità su Defrel (anche ieri l’ennesima giornata d’incontri tra l’agente Pocetta...

18/07/2017 - (Il Messaggero)

Totti: “Un’altra vita con la Roma”

Cinquanta giorni dopo le lacrime, sue e nostre; anzi, di tutti, per l’addio al calcio, Francesco Totti...

17/07/2017 - (Il Messaggero)

Là dov’è l’arte (e la mente) nulla è impossibile

Là dov’è l’arte nulla è impossibile. L’abbiamo scritto mille volte parlando...

17/07/2017 - (Il Messaggero)

Roma, non basta Defrel. La squadra è negli Usa aspettando il centravanti del Sassuolo

Di Francesco è già a Detroit per la tournée negli Usa che...

16/07/2017 - (Il Messaggero)

Negli Usa coi big e senza Under

Doveva essere il trentesimo, Luca Pellegrini. Ma Eusebio Di Francesco...

16/07/2017 - (Il Messaggero)

Radja firma con Pallotta

Passi in avanti. Concreti. Pressoché decisivi se l’appuntamento che le parti si sono date...

15/07/2017 - (Il Messaggero)

Oggi è il giorno della doppia verità su Nainggolan e la punta francese

Un «disagio contrattuale» (cit.) da risolvere. Ieri Walter Sabatini, responsabile tecnico del gruppo Suning...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Brispal
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
28.05.2017 18:00
A.S. Roma - Genoa 3 - 2
CLASSIFICA
Juventus 91
A.S. Roma 87
Napoli 86
Atalanta 72
Lazio 70
Milan 63
Inter 62
Fiorentina 60
Torino 53
Sampdoria 48
Cagliari 47
Sassuolo 46
Udinese 45
Chievo 43
Bologna 41
Genoa 36
Crotone 34
Empoli 32
Palermo 26
Pescara 18
SONDAGGI

Chi ha ragione tra Totti e Spalletti? - CHIUSO -

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!