Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
La Repubblica

(20/03/2017)

Il turnover Spalletti va: il Sassuolo non è il Lione

Non è facile cancellare le ferite dell’eliminazione europea, ma la Roma ha cominciato il suo percorso di riabilitazione facendo tre gol al Sassuolo (Paredes, Salah, Dzeko) e sostanzialmente mettendo ormai al sicuro la qualificazione alla Champions League (+ 8 sulla Lazio). Le restano ancora parecchie cose da fare - a cominciare dalla rimonta nel derby di Coppa Italia - ma insomma la sua stagione non è certo da buttare. A vederla stavolta in tribuna c’era perfino il presidente Pallotta, tutto proteso nella costruzione di un grande futuro ma ben più accorto nella ricerca di quei due o tre giocatori che potrebbero far fare il gran salto al club. Intanto però è andato in missione a Trigoria per incontrare il suo allenatore che lo tiene ancora in sospeso sul futuro. Il dubbio è tutto di parte spallettiana: la Roma il toscano fumantino se lo terrebbe volentieri. Ma intanto si va avanti così, prendendosi e lasciandosi.
 
Spalletti ha continuato a mischiare il mazzo della Roma. La notte della vittoria, ma anche dell’eliminazione col Lione, ha succhiato via parecchie energie. E soprattutto reso l’ambiente elettrico, compreso l’allenatore. Che continua ad agitarsi, spendersi e cercare di tenere la Roma a galla, nonostante la turbolenza forte. E ad applicare il principio dell’equilibrio e dell’alternanza. E quindi in panchina De Rossi e Dzeko, abbastanza prosciugato e costretto a razionare il suo alto potenziale di gol, ma comunque ancora a segno e usato per un’ultima mezzora a tutta birra. In una gestione che è stata perfetta per battere Palermo e Sassuolo, assai meno efficace però contro il Lione.
 
In un Olimpico semivuoto, ovattato e anche un po’ depresso, in cui si notano di più i gabbiani che svolazzano tra i giocatori e si posano sul campo, la Roma ha dovuto fare il suo percorso di sofferenza contro un Sassuolo per niente intimidito. Squadra costruita anche con il contributo di giovani del serbatoio romanista (Pellegrini, Politano, Ricci, Mazzitelli), e con un allenatore ormai in rampa di lancio, Di Francesco ha un attacco abbastanza vivo in grado di dare qualche grattacapo, con Berardi, Defrel e Politano, a una difesa, quella della Roma, molto meno sicura e chiusa di quella di qualche settimana fa. Come col Lione la Roma è partita ad handicap concedendo il gol a Defrel su classica azione di contropiede. E ora che riuscisse a raddrizzare la partita prima con Paredes e poi tornare in vantaggio con Salah, ha lasciato numerose occasioni all’avversario e dato anche molto da lavorare a Szczesny. Solo con Dzeko buttato dentro da Spalletti al posto di Peres la Roma è tornata ad avere una fisionomia da squadra di alta classifica.
 
La Roma in questo momento ha equilibri fragili, fa sempre spettacolo con qualche bella azione veloce dove Salah ed El Shaarawy strappano ancora applausi, ma si scopre anche facilmente e non ha più la struttura da falange. Dzeko con i suoi 21 gol in campionato (31 in totale) le ha dato quella concretezza e solidità che Spalletti è andato sempre invocando. Purtroppo non sempre tutto funziona secondo i piani.

F. Bocca


Notizie correlate

23/08/2017 - (La Repubblica)

Il ritorno di Totti e dell’ex Spalletti. Febbre Olimpico già 40mila biglietti

Tre mesi fa il congedo stagionale dall’Olimpico era stato straziante. Festeggiato il secondo posto in classifica, i settantamila romanisti presenti parteciparono in maniera empatica al doloroso saluto al calcio di Francesco Totti

22/08/2017 - (La Repubblica)

Totti, se la tribuna diventa casa

Chissà se proprio sabato sera ritroverà la forza di scendere in campo. L’ultima volta che Totti ha camminato sul prato dell’Olimpico, era il 28 maggio scorso

21/08/2017 - (La Repubblica)

La Roma ha carattere e si prende l’applauso di Totti con la cravatta

Che molte cose nella Roma siano cambiate e stiano tuttora cambiando lo si capisce da certi dettagli che sempre lì convergono. Sulla figura di Francesco Totti

21/08/2017 - (La Repubblica)

Sincerità Di Francesco: Una vittoria sporca me la tengo stretta

L’uomo più discusso dell’estate romanista, regala la vittoria a una Roma ancora in fase di costruzione. È di Kolarov il gol sufficiente a battere l’Atalanta (1-0), trasformando la trasferta di Bergamo in una festa per i circa 1500 romanisti presenti

20/08/2017 - (La Repubblica)

Di Francesco ricerca i pezzi mancanti. Schick: ora si può fare

Orfana di Salah da giugno, da una settimana anche dell’idea di ingaggiare Mahrez. La Roma, dopo aver passato due mesi di inseguimento impossibile sul mercato inizia così la sua prima stagione senza Francesco Totti: amputata

20/08/2017 - (La Repubblica)

La prima di Di Francesco: A Bergamo partiamo forte. 4-1 dal Celta? Colpa mia

L’esordio in campionato può far tremare le gambe anche a chi è seduto in panchina, rischiando di appesantire pensieri e timori.

19/08/2017 - (La Repubblica)

La prima di Alisson: Ora sono pronto temo solo la Juve

Il generale scetticismo che avvolge la vigilia del campionato romanista, non tiene lontano dalle nubi neanche il portiere Alisson, atteso al varco dai più

18/08/2017 - (La Repubblica)

Con Totti a lezione di Var. E Dzeko studia il metodo DiFra

Riparte da Bergamo il cammino romanista di Edin Dzeko. Il centravanti è alla sua terza stagione nella capitale, quella che sarà per lui un po’ la prova del nove

17/08/2017 - (La Repubblica)

Totti va a Bergamo con la squadra. Esordio da dirigente

Tra incastri da trovare e un mercato da terminare, la Roma che domenica a Bergamo taglierà il nastro della nuova stagione

14/08/2017 - (La Repubblica)

Brutto poker dal Celta Vigo, il secondo tempo non basta

I titoli di coda della preparazione estiva romanista, si trascinano dietro la netta sconfitta contro il Celta Vigo

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
La tua voce
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
26.08.2017 20:45
A.S. Roma - Inter 
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
20.08.2017 18:00
Atalanta - A.S. Roma 0 - 1
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
24.08.1977 15:00
Coppa Italia
Sampdoria A.S. Roma 1 - 2
24.08.1983 15:00
Coppa Italia
Arezzo A.S. Roma 0 - 1
24.08.1986 15:00
Coppa Italia
A.S. Roma Campobasso 3 - 0
24.08.1988 15:00
Coppa Italia
Empoli A.S. Roma 2 - 3
24.08.2008 20:45
Supercoppa Italiana
Inter A.S. Roma 2 - 2 (8 - 7 )
CLASSIFICA
A.S. Roma 3
Chievo 3
Inter 3
Juventus 3
Milan 3
Napoli 3
Sampdoria 3
Bologna 1
Genoa 1
Lazio 1
Sassuolo 1
Spal 1
Torino 1
Atalanta 0
Benevento 0
Cagliari 0
Crotone 0
Fiorentina 0
Udinese 0
Verona 0
SONDAGGI

Chi ha ragione tra Totti e Spalletti? - CHIUSO -

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!