Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
Il Messaggero

(09/01/2019)

Rocca: «Adoro Klopp, in panchina è Kawasaki»

«Quel giorno capii da solo quanto nello sport conta la preparazione fisica, anche se poi ho dovuto aspettare di studiare per averne la conferma. Feci piangere D'Amico nel derby solo perché lo sfidai sulla corsa. Se avessi voluto fare il fenomeno e metterla sulla tecnica, sarei stato umiliato. Abbracciai Vincenzo a fine partita e gli dissi che solo così avrei potuto vincere il duello sulla fascia». Francesco Rocca è come se non avesse mai smesso di correre. E lo fa, nella sua chiacchierata, per staccarsi dal suo passato di giocatore che proprio non gli interessa. Non è snobismo. «Ho fatto il mio dovere con passione, felice di giocare per la mia Roma. E, a dirla tutta, mi sono anche divertito. Fino all'infortunio». Non gli interessa, insomma, l'aspetto romantico della sua carriera. In testa e, ancora di più, nel cuore ha solo quello professionistico. I 32 anni, la metà della sua vita, in cui non ha mai smesso di aggiornarsi per essere allenatore. «A 360 gradi: lo dico con orgoglio». Ne parla seduto sul divano della sua casa all'Eur. La vista, dal suo salone, dà verso il Tre Fontane, distante poco più di 500 metri. Lì, sul campo dove oggi gioca la Primavera, si è spento il motore di Kawasaki. Ottobre del 1976. Non ne parla perché di «miele» non ha bisogno. E, comunque, ne ha in abbondanza sull'altro divano: la moglie Isa che è di Bellegra e quindi nata solo a 8 chilometri dalla sua San Vito Romano, dove hanno appena passato le feste; la primogenita Chiara, 26 anni, giornalista che si occupa di cronaca a Il Romanista e Alessandro, 21 anni, studente al 3° anno di Economia e Commercio alla Luiss. Immagini di oggi. Quelle di ieri sono, insieme con quella di un cugino ciclista scomparso di recente, appoggiate su un tavolino rotondo: il primo piano con la maglia giallorossa e il gol, l'unico in Nazionale, segnato all'Olimpico nel 10 a 0 contro gli Stati Uniti. «Decisi per una volta di non passare mai la palla e di andare dritto in porta». Alla parete, vicino alla finestra, anche la maglia dell'Hall Fame. Sta lì e fine.
 
La sua carriera, di calciatore e tecnico, è stata spesso romanzata. Dove è finita la verità sul suo percorso in questo sport? «Di falsità ne ho ascoltate, ma non rispondo. Mi interessa raccontare come vedo io questo mestiere e non quello che fanno gli altri».
 
Come se non bastasse, si porta dietro anche qualche leggenda, come quando dopo quel derby tornò a San Vito di corsa: 50 chilometri, dopo la partita. Si ricorda? «Sì, ma feci appena 2 chilometri. Alla svelta, sotto la neve. Perché la macchina sbandava. Avevo appuntamento con un giornalista e non ero puntuale per colpa della bufera che mi sorprese sulla strada di casa. Non avevamo il telefono, andai a quello pubblico. Chiamai io. Storia, insomma, ingigantita».
 
Da quasi 3 anni è fuori dal calcio: perché? «Ho deciso io. Stop, rinunciando al rinnovo che mi proposero Tavecchio e Uva. Addio alla Federcalcio dopo più di 30 anni».
 
E' d'accordo con chi la definisce scomodo? «Io? Ho sempre lavorato per gli altri. Cioè per fare esprimere al meglio il giocatore. E per far funzionare l'impresa che mi affida la gestione di un gruppo. Cioè fissando sempre un obiettivo. L'infortunio mi ha costretto a prendere una via che non avevo certo messo in preventivo. Partendo da tre principi: imparare, operare e insegnare. L'Isef è stato il primo step della mia preparazione. Dovevo conoscere la macchina umana. Ma continuo a leggere anche oggi: testi di fisiologia e di medicina dello sport».
 
Solista, però, sì. Conferma di aver giocato, in panchina, sempre in proprio? «Certo. La responsabilità è mia e basta. Il mio staff è al massimo di tre uomini. Io, il mio vice e il preparatore dei portieri. Non delego a nessuno. Quando ho avuto la possibilità mi sono occupato anche dei portieri. Nella mia lunga esperienza con le nazionali ho sempre curato l'alimentazione. Ovviamente confrontandomi con i medici. Ma ho sempre deciso io. Nessuno con me è stato mai a dieta. E non ci sto nemmeno io. Carboidrati, pasta anche condita. Ho appena mangiato due cioccolatini. L'alimentazione, però, deve essere calibrata e mirata. Quando la sbagli, diventa tossica.
 
Perché non ha il procuratore come tanti suoi colleghi? «Non lo voglio. Il conflitto di interessi non fa per me. Non reputo giusto prendere un calciatore del manager che mi assiste?».
 
Previsione: quanto starà ancora fermo? «Io sono pronto, ma l'età non mi aiuta. Ho solo una curiosità».
 
Quale? «Allenare in un club. E' più facile che in nazionale. In azzurro ho sempre avuto poco tempo. E accogli giocatori che non sono i tuoi e che arrivano con preparazioni differenti. Se invece il tuo piano è annuale hai la possibilità di programmare. E di dividere bene il lavoro».
 
Chi potrebbe chiamarla? «Chi vuole vincere...».
 
Addirittura? «Io sono così. Ho sempre firmato per un anno. Mi confermi solo se arrivo a dama. In nazionale ho sempre pensato che l'Italia dovesse arrivare tra le prime 4. E spesso ci sono riuscito. È come il piazzamento con il club in zona Champions. Se fallisco, me ne vado».
 
Quale metodo porterebbe in dote? «Si chiama Squadra 25. È la rosa ideale, con 3 portieri, 8 difensori, 8 centrocampisti, 4 attaccanti e 2 jolly. Il sistema di gioco è il 4-4-2. Il migliore per fare il pressing sui portatori di palla e sui centrali difensivi. Linee strette, assetto cortissimo. Ma si possono usare altri moduli. Il giocatore deve dare la disponibilità per qualsiasi ruolo».
(...)
 
U. Trani


Notizie correlate

23/01/2019 - (Il Messaggero)

Sanabria e Defrel, il budget di Monchi

Quindici luglio 2016: la Roma cede Sanabria...

23/01/2019 - (Il Messaggero)

Roma in difesa del gol

Spesso, nel calcio e non solo a Trigoria, si chiama...

22/01/2019 - (Il Messaggero)

Champions, il paradiso in 3 punti

C'era una volta la Lazio (al quarto posto venerdì), poi la Roma...

22/01/2019 - (Il Messaggero)

Eusebio, terapia di gruppo

Il successo del Milan a Marassi contro il Genoa spinge di nuovo...

21/01/2019 - (Il Messaggero)

Monchi valuta Dimata per l’attacco che verrà

«Proveremo a trovare giocatori che alzino il livello della squadra...

21/01/2019 - (Il Messaggero)

Full immersion nel futuro

Quarta (posizione inedita in questo torneo) per un'altra...

20/01/2019 - (Il Messaggero)

Di Francesco, medico senza pietà: «La squadra è ancora malaticcia»

Missione compiuta. Terza vittoria consecutiva in campionato...

20/01/2019 - (Il Messaggero)

La Roma risale verso l'Europa

Il sorpasso è doppio. Sulla Lazio e sul Milan. La Roma, vincendo...

19/01/2019 - (Il Messaggero)

Eusebio copia Monchi: «Rinforzi sì, ma veri»

Visibilmente più sereno. I tre successi consecutivi...

19/01/2019 - (Il Messaggero)

Roma, l’Europa è in anticipo

La chance è da sfruttare. Senza se e senza ma. La Roma...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet a Roma - SEO SEM
Confalone Design di Antonio Confalone
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
27.01.2019 15:00
Atalanta - A.S. Roma
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
19.01.2019 15:00
A.S. Roma - Torino 3 - 2
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
24.01.1965 15:00
Campionato
Cagliari A.S. Roma 1 - 0
24.01.1971 15:00
Campionato
Milan A.S. Roma 2 - 2
24.01.1982 15:00
Campionato
Avellino A.S. Roma 1 - 0
24.01.1988 15:00
Campionato
A.S. Roma Ascoli 3 - 0
24.01.1990 19:00
Coppa Italia
Inter A.S. Roma 3 - 1
24.01.1993 19:00
Campionato
Udinese A.S. Roma 1 - 2
24.01.1999 15:00
Campionato
Salernitana A.S. Roma 2 - 1
24.01.2012 20:45
Coppa Italia
Juventus A.S. Roma 3 - 0
24.01.2016 20:45
Campionato
Juventus A.S. Roma 1 - 0
24.01.2018 20:45
Campionato
Sampdoria A.S. Roma 1 - 1
CLASSIFICA
Juventus 53
Napoli 44
Inter 37
Lazio 31
Milan 31
A.S. Roma 30
Sampdoria 30
Atalanta 28
Parma 28
Fiorentina 26
Sassuolo 26
Torino 26
Cagliari 21
Genoa 19
Spal 18
Empoli 17
Udinese 15
Bologna 14
Frosinone 10
Chievo 5
SONDAGGI

Ha fatto bene Totti a rilasciare le dichiarazioni di ieri?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!