Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
La Repubblica

(09/02/2019)

Aria di Champions: stavolta la Roma non fa la stupida

Al di sotto della Juve tre gol al Chievo valgono più dell’apparenza. Valgono soprattutto l’aggancio alla Lazio, che per la Roma non è un’avversaria qualsiasi, e un quarto posto virtuale che almeno fa un po’ di scena e mette un po’ di pressione sugli altri. La Roma che in trasferta veniva dai 10 gol presi tra Bergamo e Firenze è riuscita a farne tre senza prenderne nemmeno uno. Quelli bellissimi e tutti ottenuti su grandi giocate, di El Shaarawy, Dzeko e Kolarov hanno confezionato una vittoria distensiva e rilassante, che introduce i giallorossi, senza ulteriori processi e patemi, ai giorni caldi e difficili del ritorno in Champions. Anche se contraccolpi e veleni non mancano: qualche centinaio di tifosi della Roma si è presentato con lo striscione “rispetto per la maglia”, e il terzo gol di Kolarov a sigillare e mettere in sicurezza il risultato, da lui fatto seguire con un inchino alla curva stessa, è stato ripagato con una pioggia di insulti e cori contro. Da quando Kolarov contestò le eccessive critiche dei tifosi è un tormento. Addirittura scritte sotto casa dopo Firenze. «Kolarov è un grande professionista e alla Roma ha dato tutto», si è schierato dalla sua parte Di Francesco. Non era così scontato vincere al Bentegodi. Con Di Carlo in panchina il Chievo ha avuto un rendimento più sostenuto e anche più dignitoso, e in qualche caso addirittura sorprendente: i pareggi con Napoli, Lazio, Inter e tutto sommato anche i tre gol fatti alla Fiorentina. 
 
Anche se la mancanza di Pellissier e la depressione per l’ultimo posto si fanno comunque sentire. A Verona la Roma si è presentata con una certa agitazione, un po’ per la sua stessa instabilità psicologica, un po’ perché gli infortuni hanno ormai superato la soglia della trentina - stavolta mancavano Olsen e Manolas, Pellegrini era squalificato, senza contare che De Rossi va trattato come una porcellana e dunque “l’allenatore in campo” è stato rimesso in panchina, Schick è uscito acciaccato - e non si riesce mai a fare la stessa formazione due volte di seguito (ne sono state contate 31 diverse). In più sono tutti sotto pressione per la Champions e per il Porto che martedì arriva all’Olimpico. E come se non bastasse c’è pure la Lazio che si è messa in mezzo nella questione Champions League. All’andata per la Roma era stato un triste ed emblematico 2-2: dopo i gol di El Shaarawy e Cristante, era arrivato il pareggio con Birsa e Stepinski. La Roma era in crisi latente, ma proprio allora si capì che tutte queste sorprese, queste distrazioni, queste rimonte non erano episodiche ma sistematiche, l’incubazione di un virus che avrebbe poi destabilizzato un po’ tutto: indebolendo la difesa, infiacchendo l’attacco, fino ad attaccare la panchina di Di Francesco. (...)
 
F. Bocca
 


Notizie correlate

20/02/2019 - (La Repubblica)

Aut aut sullo stadio: “Garantite le strade e demolite le case”

C’è un ostacolo in più sulla strada che porta...

20/02/2019 - (La Repubblica)

Raiola corteggia la star Zaniolo per la sua procura

È l’uomo copertina della Roma, di lui si è accorta...

19/02/2019 - (La Repubblica)

Difensori in gol e Olsen decisivo. Staccate Lazio e Atalanta

Sono i gol di due difensori e le parate decisive...

19/02/2019 - (La Repubblica)

Ci pensa la difesa. Roma aggrappata al treno Champions

Tenere testa al Milan e non lasciarlo andare via. In...

18/02/2019 - (La Repubblica)

Niente riposo, la Roma non può fare a meno di Zaniolo

Dopo i due gol in Champions, avrebbe potuto riposare...

18/02/2019 - (La Repubblica)

Contro il Bologna tra maledizione e fame di riscatto

Vietato guardare indietro. La ferita non è freschissima...

17/02/2019 - (La Repubblica)

Difra: “Punti persi con le piccole adesso basta”

Mentre tutti parlano del figlio, la mamma di Zaniolo...

16/02/2019 - (La Repubblica)

DiFra frena Zaniolo: “Numero 10? E presto”

Bologna e Frosinone (polverizzati in meno di dieci minuti...

14/02/2019 - (La Repubblica)

Zaniolo, il campioncino che studia da futuro Totti

Sarebbe ipocrita non vedere in Nicolò Zaniolo un’affinità con...

14/02/2019 - (La Repubblica)

Tutto l’oro di Zaniolo, la Roma gli affiderà il brand

A fine partita ha raggiunto i familiari, che lo guardavano estasiati...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet a Roma - SEO SEM
Iamauto
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
23.02.2019 20:30
Frosinone - A.S. Roma
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
18.02.2019 20:30
A.S. Roma - Bologna 2 - 1
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
20.02.1966 15:00
Campionato
A.S. Roma Atalanta 1 - 0
20.02.1972 15:00
Campionato
Inter A.S. Roma 2 - 2
20.02.1977 15:00
Campionato
Cesena A.S. Roma 4 - 0
20.02.1983 15:00
Campionato
A.S. Roma Napoli 5 - 2
20.02.1991 20:30
Coppa Italia
Juventus A.S. Roma 0 - 2
20.02.1994 15:00
Campionato
Cremonese A.S. Roma 1 - 1
20.02.2000 15:00
Campionato
A.S. Roma Fiorentina 4 - 0
20.02.2002 20:45
Champions League
Barcellona A.S. Roma 1 - 1
20.02.2005 15:00
Campionato
A.S. Roma Livorno 3 - 0
20.02.2011 15:00
Campionato
Genoa A.S. Roma 4 - 3
CLASSIFICA
Juventus 63
Napoli 50
Inter 43
Milan 39
A.S. Roma 38
Lazio 37
Atalanta 35
Fiorentina 34
Torino 34
Sampdoria 33
Sassuolo 30
Parma 29
Genoa 27
Cagliari 24
Spal 22
Empoli 21
Udinese 19
Bologna 18
Frosinone 16
Chievo 6
SONDAGGI

Ha fatto bene Totti a rilasciare le dichiarazioni di ieri?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!