Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
La Repubblica

(09/02/2019)

Aria di Champions: stavolta la Roma non fa la stupida

Al di sotto della Juve tre gol al Chievo valgono più dell’apparenza. Valgono soprattutto l’aggancio alla Lazio, che per la Roma non è un’avversaria qualsiasi, e un quarto posto virtuale che almeno fa un po’ di scena e mette un po’ di pressione sugli altri. La Roma che in trasferta veniva dai 10 gol presi tra Bergamo e Firenze è riuscita a farne tre senza prenderne nemmeno uno. Quelli bellissimi e tutti ottenuti su grandi giocate, di El Shaarawy, Dzeko e Kolarov hanno confezionato una vittoria distensiva e rilassante, che introduce i giallorossi, senza ulteriori processi e patemi, ai giorni caldi e difficili del ritorno in Champions. Anche se contraccolpi e veleni non mancano: qualche centinaio di tifosi della Roma si è presentato con lo striscione “rispetto per la maglia”, e il terzo gol di Kolarov a sigillare e mettere in sicurezza il risultato, da lui fatto seguire con un inchino alla curva stessa, è stato ripagato con una pioggia di insulti e cori contro. Da quando Kolarov contestò le eccessive critiche dei tifosi è un tormento. Addirittura scritte sotto casa dopo Firenze. «Kolarov è un grande professionista e alla Roma ha dato tutto», si è schierato dalla sua parte Di Francesco. Non era così scontato vincere al Bentegodi. Con Di Carlo in panchina il Chievo ha avuto un rendimento più sostenuto e anche più dignitoso, e in qualche caso addirittura sorprendente: i pareggi con Napoli, Lazio, Inter e tutto sommato anche i tre gol fatti alla Fiorentina. 
 
Anche se la mancanza di Pellissier e la depressione per l’ultimo posto si fanno comunque sentire. A Verona la Roma si è presentata con una certa agitazione, un po’ per la sua stessa instabilità psicologica, un po’ perché gli infortuni hanno ormai superato la soglia della trentina - stavolta mancavano Olsen e Manolas, Pellegrini era squalificato, senza contare che De Rossi va trattato come una porcellana e dunque “l’allenatore in campo” è stato rimesso in panchina, Schick è uscito acciaccato - e non si riesce mai a fare la stessa formazione due volte di seguito (ne sono state contate 31 diverse). In più sono tutti sotto pressione per la Champions e per il Porto che martedì arriva all’Olimpico. E come se non bastasse c’è pure la Lazio che si è messa in mezzo nella questione Champions League. All’andata per la Roma era stato un triste ed emblematico 2-2: dopo i gol di El Shaarawy e Cristante, era arrivato il pareggio con Birsa e Stepinski. La Roma era in crisi latente, ma proprio allora si capì che tutte queste sorprese, queste distrazioni, queste rimonte non erano episodiche ma sistematiche, l’incubazione di un virus che avrebbe poi destabilizzato un po’ tutto: indebolendo la difesa, infiacchendo l’attacco, fino ad attaccare la panchina di Di Francesco. (...)
 
F. Bocca
 


Notizie correlate

26/06/2019 - (La Repubblica)

Primo scoglio per Petrachi, El Shaarawy verso la Cina

Nel giorno in cui Gianluca Petrachi viene ufficializzato...

25/06/2019 - (La Repubblica)

De Rossi sceglie fra Fiorentina, Boca e Mancini

Dalle Maldive tornerà giovedì e dovrà dare una forma a quel nodo...

25/06/2019 - (La Repubblica)

Fonseca a Roma tra afa e scetticismo: «Faremo grandi cose»

Paulo Fonseca è sbarcato ieri mattina nella capitale, accolto...

24/06/2019 - (La Repubblica)

Obiettivo Veretout: lo vuole Fonseca

La priorità della Roma di Paulo Fonseca, che stamane all’alba...

22/06/2019 - (La Repubblica)

Fonseca, la lista degli acquisti parte dalla difesa

Manolas è pronto a fare le valigie? La Roma...

22/06/2019 - (La Repubblica)

La Roma chiama Hamsik

Non è (solo) un mercato per giovani. L’Atalanta...

21/06/2019 - (La Repubblica)

L’estate difficile di Zaniolo. Il papà: “Vuole restare”

Da Enfant Prodige a punto interrogativo. È l’estate difficile...

20/06/2019 - (La Repubblica)

Senza uno stadio di proprietà sfuma il business di Pallotta

Se il fair play delle parole vacilla, quello finanziario non si tocca...

20/06/2019 - (La Repubblica)

Un capolavoro al contrario, la società svende i suoi gioielli

Giorni fa il presidente della Roma James Pallotta...

20/06/2019 - (La Repubblica)

Ultima chiamata per Pastore, bocciato da Totti

Non è un momento semplice, per Javier Pastore, reduce...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet a Roma - SEO SEM
Voto 10 - Cinema, Film, Attori, Recensioni, Trailer
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
26.05.2019 20:30
A.S. Roma - Parma 2 - 1
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
26.06.1984 15:00
Coppa Italia
A.S. Roma Verona 1 - 0
CLASSIFICA
Juventus 90
Napoli 79
Atalanta 69
Inter 69
Milan 68
A.S. Roma 66
Torino 63
Lazio 59
Sampdoria 53
Bologna 44
Sassuolo 43
Udinese 43
Spal 42
Cagliari 41
Fiorentina 41
Parma 41
Empoli 38
Genoa 38
Frosinone 25
Chievo 17
SONDAGGI

Vi convince la lettera del presidente James Pallotta?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!