Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
Il Messaggero

(14/04/2019)

Bocciata la F2: promossa la Formula D

Mettiamoci una pietra sopra. Una volta per tutte. Altrimenti si correrebbe il rischio di andare ancora avanti con una serie infinita di inutili contraddizioni. Dzeko e Schick, ora è palese, non possono giocare l'uno al fianco dell'altro. Ci ha provato (poco) Eusebio Di Francesco; ci ha provato (un po' di più) anche Claudio Ranieri, ma i risultati sono stati praticamente sempre deludenti. E, a questo punto, non conviene neppure continuare a pensare a una loro convivenza. O l'uno o l'altro; mai più i due insieme. Ranieri, affidandosi alla vecchia pretattica, aveva annunciato che difficilmente i due sarebbero stati titolari contro l'Udinese, poi ci ha ripensato ma alla fine del primo tempo non ha esitato più di tanto prima di lasciare il ceco negli spogliatoi, mantenendo in campo il solo Dzeko. Una riflessione, al volo: se Di Francesco non li aveva quasi mai impiegati in tandem, evidentemente s'era reso conto che era impossibile farli coesistere. Detto questo, va aggiunto che la Roma non è una squadra abituata (tatticamente) a giocare con due attaccanti lì davanti, e a farne le spese sono (soprattutto) proprio le due punte. Mal cercate, mal servite e, a loro volta, mal predisposte alla manovra dei compagni.
 
IL CINQUE DI PACE
Non può essere solo un caso, peciò, che la Roma sia riuscita a sfondare il muro dell'Udinese nella ripresa, cioè quando in campo, lì davanti, c'era solo il Cigno di Sarajevo. Uno che ha bisogno di aria, di spazio. Che deve sentirsi il padrone dell'attacco. Un Dzeko tornato al gol all'Olimpico dopo quasi un anno di astinenza (era il 28 aprile 2018). E, al di là dei giusti rimproveri per il lungo ritardo, non poteva trovare occasione migliore per regalare una rete da tre punti alla Roma. Come era accaduto, in questa stagione, solo alla prima di campionato in casa del Torino. (...)
 
M. Ferretti


Notizie correlate

22/07/2019 - (Il Messaggero)

Sarà una Roma da Champions

Da Boston a New York fino a Los Angeles...

22/07/2019 - (Il Messaggero)

Fonseca scruta l'esterno

Sembra come se a Trigoria avessero riavvolto il nastro...

20/07/2019 - (Il Messaggero)

A Trigoria secondo test con il Trastevere

Oggi pomeriggio alle 17.30 la Roma disputerà...

20/07/2019 - (Il Messaggero)

Roma, in mezzo c'è il sold out

Il conto alla rovescia è ancora lontano. Fonseca e Petrachi...

19/07/2019 - (Il Messaggero)

Veretout, ora ci siamo. Hysaj, parte il pressing

Non è un’amichevole contro il Tor Sapienza che può regalare...

19/07/2019 - (Il Messaggero)

Roma, la prima è in maschera

«Press, press», non è un'invocazione ai giornalisti...

18/07/2019 - (Il Messaggero)

Baires, è febbre alta per De Rossi: «Al Boca arriva una leggenda»

«No podía terminar mi carrera sin jugar en Boca»...

18/07/2019 - (Il Messaggero)

Roma, legittima difesa

Oggi pomeriggio, a Trigoria, primo test: Roma-Pro Calcio Tor Sapienza...

17/07/2019 - (Il Messaggero)

De Rossi ha deciso: giocherà in Argentina con il Boca Juniors

De Rossi ci ripensa e dice sì al Boca...

17/07/2019 - (Il Messaggero)

Roma, il colpo è doppio

A 24 ore dalla prima amichevole stagionale contro...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet a Roma - SEO SEM
Cucine De Gregorio
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
26.05.2019 20:30
A.S. Roma - Parma 2 - 1
CLASSIFICA
Juventus 90
Napoli 79
Atalanta 69
Inter 69
Milan 68
A.S. Roma 66
Torino 63
Lazio 59
Sampdoria 53
Bologna 44
Sassuolo 43
Udinese 43
Spal 42
Cagliari 41
Fiorentina 41
Parma 41
Empoli 38
Genoa 38
Frosinone 25
Chievo 17
SONDAGGI

Vi convince la lettera del presidente James Pallotta?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!