Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
(15/09/2017) VIDEO A.S. Roma

Di Francesco: Le parole di Dzeko non mi sono piaciute, ma sono state chiarite

Conferenza stampa che precede Roma - Verona. Il tecnico della Roma Eusebio Di Francesco ha spiegato il ruolo di Edin Dzeko, cosa chiede al centravanti bosniaco ed ha voluto precisare ‘qualcosa’ tornando sulle dichiarazioni del numero 9 della Roma dopo Roma - Atletico Madrid.

Le parole di Dzeko post Atletico. Come si fa ad aiutarlo di più? 
“A volte a caldo si dicono cose che non si dovrebbero dire. A me non sono piaciute, sono state chiarite, però credo che Edin debba mettersi più a disposizione della squadra, del collettivo. E’ normale che quando un attaccante non fa gol, o quando ha poche occasioni, fa fatica. Ricordiamoci le partite che abbiamo giocato, in cui in una ha fatto gol, in una, quella di Bergamo, abbiamo sofferto, e la partita dell’Everton di ieri dimostra che valore ha avuto quel successo, per la condizione attuale di quella squadra lì. Deve solo capire Edin, come abbiamo già parlato, che quando ci sono partite come quella contro l’Atletico, in cui tutti secondo me hanno buttato all’aria una partita secondo me fatta male, e dove invece per 45 minuti abbiamo giocato alla pari contro una squadra che negli ultimi cinque anni ha fatto due semifinali, un quarto e due finali, che ha una conoscenza di quello che vuole l’allenatore da sei anni, mentre lui. Quando un attaccante si mette a disposizione della squadra diventa tutto più facile e sono convito che alla lunga tornerà al gol facilmente, avrà le sue occasioni, le sue chance. Il suo sfogo è stato sbagliato ma lui se ne è reso conto perché è anche una persona molto intelligente. Chiedo solo a lui di mettersi a disposizione della squadra, il resto verrà di conseguenza. Poi per poterlo aiutare, parlando delle modifiche tattiche, il mister è una persona che vede, legge, cerca di capire, ha la capacità anche di cambiare quando deve, ma quando è il momento giusto e quando ritiene opportuno farlo, perché le scelte sono qui apposta per farle. Sono qui per fare le scelte. Ho le “P” per farle quando serve e quando lo richiedo io”.


Video correlati A.S. Roma
Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet a Roma - SEO SEM
Casa del Materasso
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
26.05.2019 20:30
A.S. Roma - Parma 2 - 1
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
26.06.1984 15:00
Coppa Italia
A.S. Roma Verona 1 - 0
CLASSIFICA
Juventus 90
Napoli 79
Atalanta 69
Inter 69
Milan 68
A.S. Roma 66
Torino 63
Lazio 59
Sampdoria 53
Bologna 44
Sassuolo 43
Udinese 43
Spal 42
Cagliari 41
Fiorentina 41
Parma 41
Empoli 38
Genoa 38
Frosinone 25
Chievo 17
SONDAGGI

Vi convince la lettera del presidente James Pallotta?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!