Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su

Scheda Giocatore Astutillo Malgioglio

Stagione 2021-22

Cambia giocatore:
Profilo: Astutillo Malgioglio , #0
Statistiche del giocatore non complete...

ruolo: Portiere
nazionalitÓ: Italiana
nato il: 3/5/1958
a: Piacenza
altezza: 180 cm
peso forma: 75 Kg

Due anni a Roma ma una carriera spesa prevalentemente in Lombardia, undici anni fra Brescia ed Inter.
La sua esperienza romana da giocatore non Ŕ giudicabile, in due anni solo una presenza in campionato.
Ma Astutillo Malgioglio, al di lÓ delle sue indiscutibili qualitÓ da calciatore, merita di essere ricordato e considerato per la sua umanitÓ. L'intervista che segue Ŕ stata rilasciata nel 2001, sicuramente pu˛ chiarire chi Ŕ Astutillo Malgioglio.


"Hanno vinto loro. Mi hanno battuto. Da giocatore ho lottato tutti i giorni, per continuare ad aiutare chi, al contrario di noi calciatori, non potrÓ correre mai. Adesso che sono un ex, non ho pi¨ frecce nel mio arco, n╚ forza per combattere. Quello del calcio Ŕ un mondo senz'anima. Gira solo intorno a se stesso e ai suoi piccoli drammi della domenica; ogni voce fuori dal coro Ŕ un pericolo. E quando smetti, si spengono le luci. Nessuno si ricorda pi¨ di te. Avevo 19 anni ed ero titolare del Brescia in serie B quando, grazie ad un amico, visitai per la prima volta un centro per disabili. Mi impression˛ la loro emarginazione, l'abbandono, il menefreghismo della gente. Fu un'emozione fortissima, un pugno nello stomaco. I miei genitori si sono sempre impegnati nel sociale, mi avevano giÓ "insegnato" il rispetto e la solidarietÓ verso gli altri, ma quel giorno tutto mi apparve chiaro. La vita non Ŕ solo una palla di cuoio. Mi sono messo a studiare e mi sono specializzato nei problemi motori dei bambini. Poi col primo ingaggio ho aperto una palestra ERA 77 (dalle iniziali del nome di mia figlia Elena nata nel 1977, mia moglie Raffaella e del mio). L¤ offrivamo terapie gratuite ai bambini disabili. Li aiutavamo a camminare, a muoversi da soli.I miliardari del pallone dicono sempre di non avere tempo, di essere stressati. Per anni io ho fatto la spola tra il campo d'allenamento e la palestra a Piacenza: nessuno stress, solo la sensazione di essere un uomo migliore. Con i bambini ottenevo la vittoria pi¨ importante, la parata da ricordare.In tutta la carriera non ho mai saltato un allenamento. Ero uno di quelli che si definiscono "professionisti esemplari". Eppure, spesso, non bastava. Il bravo calciatore deve pensare solo ed esclusivamente al calcio. Qualsiasi altro interesse Ŕ visto come una pericolosa distrazione, anche quando aiuti dei ragazzi handicappati. Hai sempre gli occhi di tutti puntati addosso: compagni, dirigenti, tifosi. Devi rendere al 110% per non sentire le chiacchiere odiose e disumane degli sciocchi. "Quello pensa agli handicappati invece che a parare"Ho visto Juve-Chievo e la papera di Buffon sul primo gol: pu˛ capitare di perdere la palla in un'uscita. Ma fosse capitato a me mi avrebbero massacrato.Nel 1983 sono arrivato alla Roma. Dei due anni in giallorosso conservo ricordi splendidi. Ho avuto ottimi rapporti con tutti. La societÓ mi Ŕ sempre venuta incontro: portavo i bambini disabili a Trigoria per la rieducazione, usavo la palestra della squadra dopo l'allenamento.Di Bartolomei, il nostro capitano, aveva una sensibilitÓ particolare. Come me parlava poco, ma aveva un cuore grande. Andavamo spesso negli ospedali a trovare i bambini che erano in terapia intensiva. Dopo due anni in giallorosso passai alla Lazio, in serie B. Fu una stagione tormentata in cui vissi l'episodio pi¨ triste della mia carriera. La squadra stentava, la societÓ era assente e disorganizzata, i tifosi non mi lasciavano in pace. Criticavano il mio impegno fuori dal campo, insultavano la mia famiglia. Mi sono sempre chiesto il perch╚ di tanto odio; non ho mai preteso applausi, solo un po' di rispetto. In casa col Vicenza perdemmo 4 a 3 e il pubblico si scaten˛. Fischi continui a ogni mio intervento, fino a quando comparve uno striscione in curva: "Tornatene dai tuoi mostri". Alla fine della partita mi sfilai la maglia, la calpestai, ci sputai sopra e la tirai ai tifosi. Sono un uomo anch'io. La societÓ chiese la mia radiazione. Dello striscione invece non parl˛ nessuno. Quello che mi fer¤ di pi¨, non furono le cattiverie nei miei confronti ma la totale mancanza di rispetto, di solidarietÓ, di pietÓ per quei bambini sfortunati che non c'entravano niente. "Mostri", cos¤ li hanno chiamati. Il giorno dopo a Piacenza ho visto i genitori di quei bambini, che mi guardavano negli occhi. Non sapevo cosa dire. Mi sono vergognato per quei tifosi. Molti di quei bambini oggi non ci sono pi¨." Aveva deciso di smettere quando arriv˛ la telefonata di Trapattoni: "Non Ŕ giusto che uno come te lasci il calcio" mi disse. Firmai in bianco e restai all'Inter cinque anni, vincendo l'ultimo scudetto nerazzurro. Con gli ingaggi rinnovai la palestra con attrezzature all'avanguardia.Venivano da tutta Italia per fare rieducazione nel mio centro". Il destino volle che molti anni dopo, il 4 marzo del 1990 giorno di Lazio-Inter, Zenga, il titolare, fosse squalificato: "Giocavamo al Flaminio, perch╚ l'Olimpico era in ristrutturazione in vista dei Mondiali. Trapattoni non ebbe alcun dubbio: vai in campo - mi disse - non sentire i fischi che arriveranno, dimostra che uomo e che portiere sei. Il clima era teso, il presidente Pellegrini mi chiese di portare dei fiori alla curva laziale per non far scatenare i tifosi, c'era il rischio di incidenti. Io gli risposi che non sarebbe servito a niente, ma a malincuore portai quei fiori. La partita inizi˛ con 15 minuti di ritardo per lancio di oggetti contro la mia porta. Mi dissero di tutto. Perdemmo 2 a 1 ma fui il migliore in campo. Fummo bloccati negli spogliatoi per parecchio tempo. I tifosi volevano assalirmi. Sono tornato a Roma a fine carriera. Una volta per parlare ad un convegno sui problemi dei disabili, all'uscita, per strada mi hanno riconosciuto e insultato. La salute e la mancanza di fondi mi hanno costretto a chiudere la palestra. Io ho di che vivere, non chiedo niente a nessuno. Ma la struttura costa molto e non me la sento di far pagare i pazienti. Ora faccio quel che posso seguendo i casi pi¨ gravi a domicilio. Ho ancora tanti macchinari, alcuni fatti fare su misura. Non so a chi darli, un centro come ERA 77 rappresentava un unicum in Italia. E' un peccato sia finita cos¤. FinchŔ fai parte di quel mondo, riesci ancora a coinvolgere qualcuno, ad attirare l'interesse. Una volta finito di giocare per˛ nessuno si ricorda pi¨ di te. Non mi Ŕ mai piaciuto bussare alla porta della gente, ho cercato di sensibilizzare tante persone. Ma ognuno deve fare ci˛ che si sente.Klinsmann mi Ŕ sempre stato vicino. Ha seguito la mia attivitÓ per anni, aiutandomi molto. Mi sarebbe piaciuto lavorare con le giovanili. Ma uno come me Ŕ "pericoloso": mi batterei contro la tratta dei baby calciatori che arrivano dall'estero, bambini che vengono strappati dal loro ambiente. Dove finiscono tutti quelli che non sfondano nel calcio? Se potessi, ad un ragazzo cercherei di far capire l'importanza dello studio, del rispetto verso gli altri, e gli direi che il gol pi¨ bello Ŕ aiutare chi ha bisogno. PerchŔ il calcio Ŕ un gioco, ma la vita Ŕ un'altra cosa. Mi ha chiamato un'organizzazione cattolica, i frati trappisti di Lodi, per la creazione di un centro per bambini abbandonati. Voglio aiutarli, le mie macchine potrebbero ricominciare a lavorare. Un'amichevole a Natale, un sorriso alle telecamere, una frase di circostanza e tutti a casa. Quanti dedicano davvero qualche ora a chi soffre? So di Tommasi e pochi altri. Mosche bianche in un mondo di ricchi, fortunati eÍciechi. Immagino le loro difficoltÓ. E quando finiranno di giocare, saranno dimenticati. PerchŔ il calcio non ti perdona niente, neanche la solidarietÓ".

Questo Ŕ un uomo.


Scegli il Torneo:
Stagione Titolare Sostituz. Gol Gialli Rossi
Stagione 1983-84 2 2 0 0 0
Stagione 1984-85 2 0 0 0 0
Totale 4 2 0 0 0
Per stagione | Squadra inziale | Sostituzioni | Gol | Ammonizioni | Espulsioni


Ultime presenze negli 11 di partenza (max.10)
27.02.1985 a 15:00 Coppa Italia C Parma 1 - 1
22.08.1984 a 15:00 Coppa Italia T Pistoiese 1 - 0
22.02.1984 a 15:00 Coppa Italia T Reggiana 1 - 0
08.02.1984 a 15:00 Coppa Italia C Reggiana 2 - 0
 
Ultime partite dove il giocatore ha segnato uno o pi¨ gol (max. 10)
Nessuno
Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Cucine De Gregorio
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
06.02.2022 a 19:00
A.S. Roma - Genoa 
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
23.01.2022 a 18:00
Empoli - A.S. Roma -
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
23.01.1966 15:00
Campionato
A.S. Roma Vicenza 1 - 0
23.01.1972 15:00
Campionato
Verona A.S. Roma 1 - 1
23.01.1983 15:00
Campionato
Verona A.S. Roma 1 - 1
23.01.1994 15:00
Campionato
A.S. Roma Udinese 0 - 2
23.01.2000 15:00
Campionato
A.S. Roma Piacenza 2 - 1
23.01.2005 20:30
Campionato
Fiorentina A.S. Roma 1 - 2
23.01.2008 18:30
Coppa Italia
Sampdoria A.S. Roma 1 - 1
23.01.2010 20:45
Campionato
Juventus A.S. Roma 1 - 2
23.01.2013 20:45
Coppa Italia
A.S. Roma Inter 2 - 1
23.01.2021 15:00
Campionato
A.S. Roma Spezia 4 - 3
23.01.2022 18:00
Campionato
Empoli A.S. Roma  
CLASSIFICA
Inter 50
Milan 48
Napoli 46
Atalanta 42
Juventus 41
A.S. Roma 35
Fiorentina 35
Lazio 35
Torino 31
Verona 30
Empoli 29
Sassuolo 28
Bologna 27
Udinese 23
Spezia 22
Sampdoria 20
Venezia 18
Cagliari 16
Genoa 12
Salernitana 11
SONDAGGI

Siete d'accordo con il progetto Superlega?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!