Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Dal 22 Gennaio Te la do io Tokyo sui 92.700 di Tele Radio Stereo
  • Condividi su

(14/05/2024) On Air

Ugo Trani a Te la do io Tokyo: I Friedkin non faranno la squadra per lo Scudetto l'anno prossimo

Ugo Trani è intervenuto in diretta a Te la do io Tokyo, la trasmissione ideata e condotta da Mario Corsi, in onda tutti i giorni dalle 10 alle 14 sui 92.7 di Tele Radio Stereo.

"L'attacco della Gazzetta alla Souloukou è chiaramente politico, non è sportivo, perché riguarda tematiche sulla Lega, in cui la Roma ha cercato di fare un minimo dei passi diversi, come ad esempio protestare per il calendario, anche prima delle ultime vicende, perché la Roma si è lamentata spesso di non giocare mai di lunedì pur giocando di giovedì, cosa quantomeno strana visto che l'Atalanta giocava di lunedì. Sulla famosa storia della lettera, mi viene in mente la storia di Sensi, con Moratti che lo mandò avanti e poi si nascose, qui è successa la stessa cosa. Se pure vogliamo dare una colpa alla Roma, che sta sempre coperta e allineata a livello comunicativo, senza mai parlare, che ha raccontato di questa lettera, tirandola fuori con i giornali romani, poi è successo che l'Inter, che ricordo ha il presidente che non può tornare a festeggiare in Italia per i motivi che sappiamo noi di Te la do io Tokyo, ha avuto paura che ci fosse troppa esposizione mediatica su questa sfiducia alla Lega delle 4 big, fra cui c'era anche la Roma, si sono subito preoccupati e hanno chiamato i giornali per dire che non era una lettera di sfiducia. Ma come, prima tiri il sasso e poi nascondi la mano? E hanno mandato avanti la Roma, che adesso diventa obiettivo, come avete visto nel pezzo di oggi, perché questo chiede l'Inter che vuole stare parata e coperta, vista la situazione che ha, con debiti anche superiori alla Roma. Ricordiamoci che noi parlare della Roma, ma alla Juve sono avvelenati perché il trattamento riservato all'Inter è diverso, un po' come per Calciopoli, visto che la Juventus è stata penalizzata per illecito amministrativo l'anno scorso. Quella è tutta una battaglia politica e la Roma ci va di mezzo perché non ha forza. Quei piccoli passi che ha fatto li ha fatti con la Souloukou, che infatti viene attaccata. Lei è l'unico punto di riferimento che hanno la squadra e De Rossi. Lei è andata con De Rossi a fare una trattativa di mercato, perché se non ci sono altri personaggi, deve farlo lei, ma non è che lei crede di saperne più degli altri, infatti si è portata l'allenatore, sperando che almeno lui lo seguano. Se lo United avesse considerato bravo Ghisolfi, se lo prendeva. Il problema è che pure i procuratori che lavorano con chi sta a Trigoria capiscono che se prendi lui c'è aria di ridimensionamento. Per prendere un giocatore forte non servono né Ghisolfi né la Souloukou, servono i soldi di Friedkin, altrimenti non lo prendi. Se vuoi provare a prendere dei talenti o dei prospetti, allora devi avere Sartori. Quindi tu non hai né chi fa l'investimento, perché non mi sembra che i Friedkin vogliano investire tanto e ce lo hanno fatto capire in tutti i modi, né hai Sartori, per cui dove vai? Che squadra fai? Secondo me non lotterai mai per lo Scudetto l'anno prossimo, non la fanno la squadra per lo Scudetto, lo posso dire al 150%. Ci sono due strade: una con la Champions e una senza Champions. Se vai in Champions hai qualche speranza più di avere una squadra che rompe le scatole alle prime, nel senso puoi diventare terza, seconda o quarta. Se invece non va in Champions, come ti preparano la prossima stagione? Dicendo 'dobbiamo per forza tornare in Champions', perché lo dicono ogni anno e lo ridirebbero pure il prossimo. Non vedo altre strade. Anche perché, pure nell'ipotesi migliore coi soldi della Champions, noi sappiamo benissimo per fare una squadra da Scudetto, il Napoli ha avuto la squadra ma non solo quella. Dopo aver vinto lo Scudetto aveva comunque una squadra molto più forte della Roma ma poi avere visto la fine che ha fatto, perché non basta la squadra forte, perché devono coincidere tante cose, non basta avere solo i buoni giocatori. La Roma non ha i buoni giocatori, per cui prima dovrebbe avere i giocatori, buoni nel senso di livello, in tutti i settori, cambi a centrocampo, sulle fasce. La Roma non ce l'ha, quanti ne deve prendere buoni per essere competitiva per lo Scudetto? Nemmeno 6-7 bastano. Ce ne vorrebbero 10 e pensate che loro prendano 10 giocatori di livello? Io non ci credo, non so quanti arriveranno. A me non starà bene il primo che acquistano, lo dico già adesso, il primo che prendono già non ci starà bene. Sicuramente De Rossi può avere appeal per giocatori come Chiesa il problema sono sempre i soldi. Sento tanti finti amici di De Rossi, quelli si spacciano per suoi amici, dire che lui vuole la conferma di Kristensen. Allora tu che ti senti amico di De Rossi gli fai fare una brutta figura, ma poi la conferma di Kristensen deve essere il terzo cambio a destra perché ha fisico e corsa, ma non la conferma, perché tu non parti dalla conferma di Kristensen. Allora perché dico che la chiave è De Rossi, perché qualcuno gli deve dire 'noi possiamo spendere tot, noi possiamo prendere cinque giocatori importanti, noi possiamo prendere 3 + 6 giovani, glielo devono dire, perché conoscendo De Rossi, è uno che ci tiene più di qualsiasi altra persona a fare bella figura e non vuole essere preso in giro soprattutto. Quindi quando va a parlare con questi che De Rossi è capace che gli dica 'ci siamo dati una stretta di mano, io vado ad allenare il Bologna, lo può fare. In pubblico fa i complimenti alla rosa, poi però si presenta nello studio. Quando si presentava per fare i contratti, chiedeva sempre 6 milioni netti, non è che stava lì e diceva 'vabbè me li date l'anno prossimo', per cui De Rossi è quello. E infatti dico: la stretta di mano basta?"


Notizie correlate On Air

21/05/2024 (On Air)

Francesco Balzani a Te la do io Tokyo: De Rossi ha smascherato le carenze della Roma più di Mourinho

Francesco Balzani di Leggo è intervenuto a Te la do io Tokyo

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Pescheria Bezziccheri
Le Ali di Camilla - Dona il Tuo 5 x 1000
Pubblicità su Te la do io Tokyo
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
26.05.2024 19:00
Empoli - A.S. Roma
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
19.05.2024 20:45
A.S. Roma - Genoa 
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
26.05.1971 20:30
Torneo Anglo - Italiano
Stoke City A.S. Roma 2 - 2
26.05.1991 15:00
Campionato
Pisa A.S. Roma 0 - 1
26.05.2013 18:00
Coppa Italia
A.S. Roma lazio 0 - 1
26.05.2019 20:30
Campionato
A.S. Roma Parma 2 - 1
26.05.2024 19:00
Campionato
Empoli A.S. Roma  
CLASSIFICA
Inter 93
Milan 74
Bologna 68
Juventus 68
Atalanta 66
A.S. Roma 63
Lazio 60
Fiorentina 57
Torino 53
Napoli 52
Genoa 49
Monza 45
Lecce 37
Verona 37
Cagliari 36
Frosinone 35
Udinese 34
Empoli 33
Sassuolo 29
Salernitana 16
SONDAGGI

Chi è il responsabile del momento attuale della Roma?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!