Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
Il Messaggero

(13/03/2018)

Un quarto di nobiltà per la Roma

Ambizione, sogno, prestigio, orgoglio e riscatto: la Roma è consapevole di quale significato avrebbe, per la sua storia di oggi e di ieri, l’eventuale ribaltone (basta vincere 1 a 0) nella notte dell’Olimpico. Che può diventare infinita con i supplementari e i rigori. E, quindi, impegnativa e snervante. Lo Shakhtar Donetsk entra in campo, ore 20,45, partendo dal 2 a 1 dell’andata: il vantaggio c’è, anche se minimo. Ma Di Francesco, debuttante nella competizione, non è appagato da quanto ottenuto nel 2017, cioè il 1° posto nel gruppo C della fase a gironi, mettendosi alle spalle il Chelsea di Conte e spingendo in Europa League l’Atletico Madrid. Ora vuole andare oltre, accompagnando il club di Pallotta tra i migliori 8 del nostro continente, come non accade da 10 anni. È arrivato fin qui pedalando contro il pronostico iniziale, come ha fatto, del resto, pure, il suo collega Fonseca. Uno dei due intrusi del torneo, a fine serata, sarà ai quarti di Champions.
 
QUALIFICAZIONE APERTA
Nessuno a Trigoria snobba lo Shakhtar che, leader nella Liga ucraina, si presenta con 5 successi di fila, raccolto abbondante in questo 2018 dopo la lunga pausa invernale di 67 giorni. Il saldo attivo impressiona: 18 reti realizzate e 1 gol incassato, quello di Under nella gara del 21 febbraio a Kharkiv. Solo la Roma, nel nuovo anno, ha fatto centro contro Pyatov. Il centravanti italoargentino Ferreyra, con 6 reti (compresa quella del pari all’andata), si è preso ultimamente la vetrina. Ma i 3 brasiliani che, nel 4-2-3-1 di Fonseca gli giocano alle spalle, sono addirittura più pericolosi: ora l’esterno destro Marlos, 5 gol, sembra il più ispirato, anche se la velocità e la qualità del sosia di sinistra Bernard e quella del trequartista Taison andranno comunque limitate. È, insomma, l’attacco a fare la differenza. Al tempo stesso proprio la spavalderia offensiva dello Shakhtar dovrebbe permettere a Di Francesco di trovare lo spazio che, soprattutto all’Olimpico, i suoi interpreti spesso non riescono ad avere per andare a dama. Il 4-2-3-1 non dovrà, però, essere esclusivamente aggressivo. Ha funzionato all’andata fino all’intervallo. E sabato, in corsa, contro il Torino nella ripresa. Le caratteristiche degli avversari, rapidi e tecnici, impongono la ricerca dell’equilibrio e della compattezza. Più che l’attesa, semplicemente l’attenzione. Come è successo al San Paolo contro il Napoli, affrontato a specchio con il 4-3-3 e bloccato difendendo con il 4-1-4-1 e i reparti strettissimi. Fondamentale il lavoro di squadra: nel pressing di Dzeko e Nainggolan, nella fase di non possesso palla di Under e Perotti e, sempre sulle fasce, nella spinta di Florenzi e Kolarov. Allo spartito penseranno centralmente De Rossi e Strootman. E subito dietro Fazio.
 
PERCORSO SIMILE
Lo Shakhtar ha costruito la sua stagione in Champions sull’enplein di Kharkiv: 4 successi nelle 4 partite casalinghe. Anche la Roma ha sfruttato l’Olimpico come fortino: nessun gol subito nei 3 match della fase a gironi. Fonseca e Di Francesco si giocheranno la gara della verità, dentro o fuori, con gli uomini migliori. Cioè i più preparati, fisicamente e tatticamente, del momento. E sono gli stessi della gara di Kharkiv (Ordets entrò in corsa per l’infortunato Kryvtsov).
 
PRECEDENTE SCOMODO
L’unica qualificazione dello Shakhtar ai quarti nel 2011 (4 successi di fila contro i giallorossi dopo la sconfitta del 2006): proprio contro la Roma, ko all’Olimpico con Ranieri e a Donetsk con Montella, dopo l’avvicendamento in panchina. Di Francesco cercherà di unirsi a Liedholm (Coppa campioni del 1984) e Spalletti (Champions del 2007 e del 2008): sarebbe il 4° invito tra le 8 big d’Europa. Saranno almeno 45 mila i tifosi a convincere i giocatori che la rimonta è possibile. Senza pensare che in 60 anni è riuscita in casa solo in 6 dei 24 tentativi.

U. Trani


Notizie correlate

23/06/2018 - (Il Messaggero)

Roma, l'altra rivoluzione

L'ennesima rivoluzione, seppur più silente rispetto...

22/06/2018 - (Il Messaggero)

Roma, arriva Pastore per dimenticare Radja

L'intento è quello di far arrivare Pastore quanto prima...

21/06/2018 - (Il Messaggero)

Nainggolan va all'Inter

Lo sliding-doors tra Pastore e Nainggolan è pronto...

20/06/2018 - (Il Messaggero)

La Roma di Pastore è senza Nainggolan

La direttiva del calciomercato che sta portando...

19/06/2018 - (Il Messaggero)

Di Francesco rinnova. Pastore si avvicina

Il tweet della Roma è arrivato alle 16.51 di ieri...

18/06/2018 - (Il Messaggero)

Alisson, c'è l'offerta e non è quella giusta

Il braccio di ferro è alle porte. Entro 48 ore...

16/06/2018 - (Il Messaggero)

Meret & Olsen tra i pali

Sessanta milioni. È la base sulla quale...

16/06/2018 - (Il Messaggero)

La Roma vuole accelerare. Scontro con il Campidoglio

«Noi così non firmiamo niente», dicono i dirigenti dell’Urbanistica comunale. E lo stesso ripetono...

15/06/2018 - (Il Messaggero)

Pallotta si sdoppia su Alisson e Radja

«Se cederò Alisson o Nainggolan al Napoli?...

14/06/2018 - (Il Messaggero)

Pallotta: vendo la Roma se salta il nostro impianto

«È stato bello passare del tempo qui». Fine corsa...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet a Roma - SEO SEM
Iamauto
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
20.05.2018 20:45
Sassuolo - A.S. Roma 0 - 1
CLASSIFICA
Juventus 94
Napoli 91
A.S. Roma 77
Inter 72
Lazio 72
Milan 64
Atalanta 60
Fiorentina 57
Sampdoria 54
Torino 54
Sassuolo 43
Genoa 41
Chievo 40
Udinese 40
Bologna 39
Cagliari 39
Spal 37
Crotone 33
Verona 25
Benevento 21
SONDAGGI

Chi vorresti esca dalla Champions League?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio! - Chiuso