Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
(17/06/2020) VIDEO Te la do io Tokyo

Rosella Sensi e Fabio Capello a Te la do io Tokyo ricordano il 17/06/2001 e lo scudetto della Roma

Rosella Sensi e Fabio Capello sono intervenuti a Te la do io Tokyo, la trasmissione ideata e condotta da Mario Corsi, in onda sui 101.500 di Centro Suono Sport.


Emozioni provate quel 17 giugno prima di Roma-Parma?
Rosella Sensi: Ricordo l’emozione di mio padre. Era tutto bello ma aspettavamo quella partita per poter finalmente festeggiare ed esplodere di gioia
 
Fabio Capello: Ricordo la preparazione della partita e la tensione che quella gara potesse bloccare le gambe dei giocatori. Era già successo a Madrid e avevo paura potesse ricapitare
 
Quando è arrivata la consapevolezza che quell’anno si poteva fare?
Capello: Che la squadra fosse forte lo sapevamo. Con il Presidente Sensi l’avevamo costruita per vincere, Batistuta fu solo la ciliegina sulla torta di una squadra già forte di suo. Il momento della consapevolezza sicuramente è stato il 2-2 a Torino.
 
Mister viene sempre descritto come una persona fredda, è così?
Capello: No no, assolutamente. Io non esulto dopo il gol perché il gol è il risultato del lavoro che viene fatto durante la settimana. Io esulto sempre a risultato raggiungo. Tra l’altro non festeggiammo la sera stessa perché il Presidente dalla gioia non si sentì molto bene…
 
Sensi: Sì, vero. Dalla gioia mio padre si sentì poco bene e rimandammo i festeggiamenti di due giorni
 
Capello: Devo raccontare una cosa che pochi sanno: io chiamai il Presidente Sensi, perché non avevo un agente, e gli chiesi se era interessato che io diventassi allenatore della Roma. Arrivai a Roma il giorno dopo parlai con lui e il giorno successivo Sensi mi fece firmare subito il contratto. Avevamo un rapporto diretto, non mediato. Per questo sono molto legato alla famiglia Sensi, per me il rispetto viene prima di tutto. Rispetto e ricordi sono valori molto importanti, per questo sono andato a quella festa del Milan con la giacca della Roma. La cosa bella di quell’anno è che raggiungemmo l’obiettivo tutti insieme.
 
Mister ha mai discusso con il Presidente Sensi?
Capello: Mai, nessuna discussione. Eravamo sempre d’accordo. Io non facevo i capricci e lui non faceva i capricci
 
Rosella: Posso confermare. Vederli parlare e confrontarsi era bellissimo. Due grandi personalità


Video correlati Te la do io Tokyo
Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
5x1000 all'Associazione Scodinzolo Onlus - Codice Fiscale 97737450581
Comunicato Te la do io Tokyo - Segnale radio e streaming
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
22.08.2022 18:30
A.S. Roma - Cremonese 
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
14.08.2022 20:45
Salernitana - A.S. Roma 0 - 1
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
19.08.2007 20:45
Supercoppa Italiana
Inter A.S. Roma 0 - 1
19.08.2018 18:00
Campionato
Torino A.S. Roma 0 - 1
19.08.2021 19:30
Conference League
Trabzonspor A.S. Roma 1 - 2
CLASSIFICA
A.S. Roma 3
Atalanta 3
Fiorentina 3
Inter 3
Juventus 3
Lazio 3
Milan 3
Napoli 3
Spezia 3
Torino 3
Bologna 0
Cremonese 0
Empoli 0
Lecce 0
Monza 0
Salernitana 0
Sampdoria 0
Sassuolo 0
Udinese 0
Verona 0
SONDAGGI

Siete d'accordo con il progetto Superlega?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!