Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su

(14/10/2020) A.S. Roma

Totti: Il ritiro è stato uno shock, l'ultimo anno un incubo

Francesco Totti, ex dirigente dell’AS Roma, ha rilasciato una lunga intervista a Vanity Fair.
 
In trent’anni lei ha rilasciato pochissime interviste. “Non sono egocentrico. Non sono uno a cui piace parlare, preferisco fare tre passi indietro, nascondermi, sparire, se è possibile. Al mio posto doveva parlare il campo. Con me c’era sempre un rischio. A me piace scherzare, ma dietro una battuta c’è spesso la verità. E la verità certe volte era meglio non esprimerla. Dire quello che sapevo, o che pensavo, avrebbe creato problemi. Avrei fatto solo danni: a me stesso e alla società. Preferivo evitare. Per anni ascoltare tante cose false sul mio conto mi ha fatto soffrire. C’erano momenti in cui per smentire le bugie che raccontavano sui giornali, in radio o in tv, sarei andato in guerra. Preferivo evitare”.
 
Poi cos’è successo? “Mi sono abituato, ho capito che il mondo è fatto così. Chiunque dice la sua e ognuno si fa la propria idea. Di quello che dice la gente ormai non me ne frega più niente. Le cose che contano davvero? Oltre alla famiglia, la parola data. Non servono firme, contratti o avvocati. Basta una stretta di mano. Basta guardarsi negli occhi. Ma negli ultimi anni la parola data con me l’hanno mantenuta poco”.
 
Che ambizione aveva? “Essere come Peppe Giannini, il capitano della Roma della mia giovinezza. Lo identificavo come il principe di Roma, il numero 10 per eccellenza. Quando mi convocarono in prima squadra chiesi se era possibile dividere la stanza con Peppe. Me lo concessero. Era un sogno ad occhi aperti. Lì, nel letto accanto al mio dormiva la persona di cui avevo il poster in camera. Mi faceva effetto”.
 
Di lei dicevano che della Roma decidesse campagne acquisti, formazioni, allenatori. “Tutte cazzate. Non c’è un solo compagno o allenatore tra i tantissimi che ho conosciuto che possa dirmi in faccia: “Hai deciso, hai chiesto, hai preteso”. Camminerò sempre a testa alta perché mi sono allenato sul campo e non ho mai detto “fai giocare questo o fai giocare quello”. Non ho mai chiesto niente, a parte di poter vincere. È vero, volevo. Volevo giocatori forti come Buffon, Thuram e Cannavaro perché non avevo nessuna voglia di fare il bamboccio mentre gli altri festeggiavano. Qual è la colpa? Dov’è?”.
 
Quanto è stato doloroso il ritiro? “E’ stato uno shock: rendersi conto di dover lasciare tutto quello che avevo fatto e che ero stato è stato durissimo. Sapevo che prima o poi quel momento sarebbe arrivato, ma ho iniziato a considerare l’ipotesi solo nell’ultimo anno. Nella stagione precedente avevo capito che non avrebbero voluto rinnovarmi il contratto: però, poi, ogni volta che subentravo cambiavo le partite e facevo gol. Dopo quella con il Torino, dove entrando a 4 minuti dalla fine ne feci due, me lo rinnovarono a furor di popolo. Mi sarei dovuto ritirare in quella sera perfetta, dopo l’apoteosi, come mi suggerì Ilary e ci pensai anche. Poi dopo una notte insonne decisi di continuare, ma il rapporto con Spalletti (lo dice senza citarlo, ndr) purtroppo era già compromesso”.
 
Il rapporto con Spalletti iniziò a compromettersi prima. “Voglio fare una premessa: l’allenatore sceglie chi mettere in campo in assoluta autonomia. È giustamente padrone delle decisioni e io non mi sono mai permesso di metterle in discussione né di contestarle. Poi c’è un discorso di umanità e lì le cose cambiano. Più mi impegnavo, più lui cercava la rottura, la provocazione, il litigio o il pretesto. Capii in fretta che in quelle condizioni proseguire sarebbe stato impossibile. Così, per la prima volta in 25 anni di Roma, tra gennaio e febbraio, mollai”.
 
I suoi compagni non le stavano vicini? “Alcuni sì e altri no. Temevano la reazione del mister, che potesse dire: “Voi state con lui”. È triste? È brutto? Purtroppo è umano e i rapporti fraterni nel calcio sono ben pochi. Quell’ultimo anno comunque fu un incubo. Mi vedevo superare da giocatori che magari non si allenavano per tutta la settimana e poi la domenica erano in campo. In quei giorni iniziai a ripensare a come si comportava agli inizi, quando ero il capitano, il simbolo, il giocatore indiscusso. E capire che mi stavano dicendo: “Hai quarant’anni, fatti da parte, non rompere i coglioni”, mi fece male”.
 
Farebbe mai l’allenatore? “Sarebbe impossibile. Impazzirei. Sono uno che vuole sempre il massimo e pensa che certi errori in serie A non si possano fare. Dovrei diventare severo, aspro, antipatico. Se non ci nasci, figlio di mignotta, non ci diventi”.
 
Cuccioli Bovari del Bernese

Notizie correlate A.S. Roma

25/10/2020 (A.S. Roma)

Milan-Roma: i convocati da Paulo Fonseca

Sono 22 i calciatori convocati da Paulo Fonseca...

25/10/2020 (A.S. Roma)

Rassegna Stampa Giallorossa - 25 Ottobre

La rassegna stampa giallorossa di domenica 25 ottobre...

24/10/2020 (A.S. Roma)

Domenica conferenza stampa di Paulo Fonseca

L’AS Roma ha annunciato che domenica 25 ottobre Paulo Fonseca...

24/10/2020 (A.S. Roma)

Coronavirus – AS Roma: Mancini negativo

Arrivano buone notizie da Trigoria. Gianluca Mancini...

24/10/2020 (A.S. Roma)

Rassegna Stampa Giallorossa - 24 Ottobre

La rassegna stampa giallorossa di sabato 24 ottobre...

23/10/2020 (A.S. Roma)

Coronavirus - AS Roma: Mancini positivo

Gianluca Mancini, calciatore dell'AS Roma...

23/10/2020 (A.S. Roma)

Rassegna Stampa Giallorossa - 23 Ottobre

La rassegna stampa giallorossa di venerdì 23 ottobre...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Architetto Germano Moroni
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
26.10.2020 20:45
Milan - A.S. Roma
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Europa League
22.10.2020 18:55
Young Boys - A.S. Roma 1 - 2
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
25.10.1964 15:00
Campionato
A.S. Roma Catania 2 - 1
25.10.1970 15:00
Campionato
Varese A.S. Roma 0 - 0
25.10.1981 15:00
Campionato
A.S. Roma Fiorentina 2 - 0
25.10.1987 15:00
Campionato
A.S. Roma Napoli 1 - 1
25.10.1992 15:00
Campionato
Napoli A.S. Roma 2 - 1
25.10.1998 15:00
Campionato
Milan A.S. Roma 3 - 2
25.10.2006 20:30
Campionato
A.S. Roma Ascoli 2 - 2
25.10.2009 15:00
Campionato
A.S. Roma Livorno 0 - 1
25.10.2014 20:45
Campionato
Sampdoria A.S. Roma 0 - 0
25.10.2015 18:00
Campionato
Fiorentina A.S. Roma 1 - 2
25.10.2017 20:45
Campionato
A.S. Roma Crotone 1 - 0
CLASSIFICA
Milan 12
Sassuolo 10
Atalanta 9
Napoli 9
Juventus 8
A.S. Roma 7
Inter 7
Benevento 6
Sampdoria 6
Verona 6
Cagliari 4
Fiorentina 4
Lazio 4
Spezia 4
Bologna 3
Genoa 3
Parma 3
Udinese 3
Crotone 1
Torino 0
SONDAGGI

Vi convince la lettera del presidente James Pallotta?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!