Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
  • Condividi su
Il Messaggero

(17/10/2021)

Trova le differenze

Partiamo dalle note più o meno liete: Tammy Abraham è partito per Torino con la squadra, solo oggi saprà se scenderà in campo dal primo minuto o meno. Matias Viña è tornato dall'Uruguay, è stanco, ma per Mou, «non è in dubbio». Quindi, dieci undicesimi son fatti, c'è l'incognita legata ad Abraham. Allegri non ha Dybala, Morata è più no che sì, Mckennie è mezzo e mezzo e Rabiot è out per il Covid. Pronti, si parte: ti aspetti qualche scintilla dialettica, in memoria di vecchie rivalità. Invece, nulla. Da Torino, Allegri è morbidissimo («Mou è un valore per la Roma e per il campionato, sono felice di rivederlo»), José da Roma non è da meno. E per entrambi: «Juve-Roma non è Allegri contro Mourinho». 

Mou, l'avversario Allegri, lo chiama confidenzialmente Max e dice che «sarà un piacere salutarlo, c'è rispetto e stima». Non lo eccita nemmeno il ritorno allo Stadium e l'avere davanti la Juve, la nemica dei giorni migliori. Se non sapessimo che davanti abbiamo davvero Mou, cioè quello che ti spinge a superare il limite, penseremmo a una Roma spacciata a Torino. Perché tutto o quasi pende dalla parte bianconera: rosa, esperienza, blasone etc. Resta l'orgoglio e quel non si sa mai che rende affascinante il gioco del pallone e quei quattro punti di differenza in favore dei giallorossi. «Max conosce quasi tutta la formazione della Roma, mentre io no, perché la Juve ha tante opzioni, nonostante le assenze». Ed eccolo il refrain mourinhiano, del «noi siamo contati e le big sono distanti, la Juve su tutte». Mou non smette di ricordarlo, anche se poi «quando l'arbitro fischia dobbiamo pensare a vincere e basta». Eccolo, l'orgoglio di cui sopra. E infatti questo la gente si aspetta, stasera la Roma dovrà provare a saltare il secondo vero ostacolo (il primo, il derby, non è andato bene) per mostrare un po' le unghie, finalmente, contro una big. Questo ci si aspetta da Mou e sì, la sua squadra non sarà all'altezza, ma nemmeno la Juve che affronterà oggi lo è. Ma le differenze, per lo Special, ci sono eccome. «Una cosa è una squadra è che gioca per vincere la Champions e un'altra è una che gioca per la Conference; una cosa è una squadra che gioca per vincere dieci campionati di fila e un'altra è una squadra che ne vince zero in dieci anni; una cosa è una squadra che ha lavorato con Max dieci o otto anni e un'altra cosa è una che ha lavorato con un allenatore arrivato da tre mesi; una cosa è una rosa con venticinque giocatori con esperienza internazionale e un'altra è una rosa con tredici-quattoridici e poi altri giovani bravi ragazzi».  (…)
 
A. Angeloni
 


Notizie correlate

30/11/2021 - (Il Messaggero)

Tegola Pellegrini. Lesione muscolare, torna in campo l’anno prossimo

Lorenzo Pellegrini alza bandiera bianca per una lesione muscolare...

30/11/2021 - (Il Messaggero)

Alchimia Mou

Il timbro di Mourinho c’è e si vede. Mai quanto adesso...

29/11/2021 - (Il Messaggero)

Un mostro di nome Abraham

Eccolo, in versione mostro, come lo vuole Mou...

29/11/2021 - (Il Messaggero)

Roma che cuore. Ora sai vincere anche soffrendo

Il destro di Abraham entra direttamente in classifica...

28/11/2021 - (Il Messaggero)

«Così è più bello»

La spinta dei 46 mila per rimanere in scia Champions...

27/11/2021 - (Il Messaggero)

Tammy e Nick è nata una coppia

Nata per caso. Nell’emergenza, contro un avversario modesto...

26/11/2021 - (Il Messaggero)

Mourinho: «Era un girone da vincere»

Non si accontenta. E fa bene, Mourinho...

26/11/2021 - (Il Messaggero)

Tanto Zaniolo grande Roma

Zaniolo show, poi doppio Abraham. E la finale, per dirla alla José...

25/11/2021 - (Il Messaggero)

Mou, che fatica. «Coppa e serie A sarà dura ma…»

José Mourinho la definisce una finale. E in effetti lo è: Roma e Zorya...

24/11/2021 - (Il Messaggero)

Zaniolo, il momento di invertire la rotta

La rincorsa di Zaniolo è iniziata...

Roma Virtuale - Web agency, Realizzazione siti internet - SEO SEM
Climanet
PROSSIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
01.12.2021 18:30
Bologna - A.S. Roma
ULTIMA PARTITA DELLA ROMA
Campionato
28.11.2021 18:00
A.S. Roma - Torino 1 - 0
OGGI NELLA STORIA DELLA ROMA
30.11.1969 15:00
Campionato
A.S. Roma Torino 0 - 0
30.11.1975 15:00
Campionato
A.S. Roma Torino 1 - 1
30.11.1980 15:00
Campionato
A.S. Roma Udinese 3 - 1
30.11.1986 15:00
Campionato
A.S. Roma Juventus 3 - 0
30.11.1997 15:00
Campionato
Parma A.S. Roma 0 - 2
30.11.2003 15:00
Campionato
A.S. Roma Lecce 3 - 1
30.11.2008 15:00
Campionato
A.S. Roma Fiorentina 1 - 0
30.11.2014 20:45
Campionato
A.S. Roma Inter 4 - 2
CLASSIFICA
Napoli 35
Milan 32
Inter 31
Atalanta 28
A.S. Roma 25
Bologna 21
Fiorentina 21
Juventus 21
Lazio 21
Empoli 19
Verona 19
Sassuolo 18
Torino 17
Sampdoria 15
Udinese 15
Venezia 15
Spezia 11
Genoa 10
Cagliari 8
Salernitana 8
SONDAGGI

Siete d'accordo con il progetto Superlega?

I sondaggi di Marione.net! Clicca per partecipare al sondaggio!